Dominic Thiem: "Nessuno può essere paragonato a Roger Federer"



by   |  LETTURE 8329

Dominic Thiem: "Nessuno può essere paragonato a Roger Federer"

Mai come in questo periodo, il record di Slam detenuto da Roger Federer è a serio rischio. Se Rafael Nadal dovesse vincere per la 13ma volta il Roland Garros, eguaglierebbe proprio lo svizzero a quota 20 Major. Il 39enne di Basilea, che si è operato due volte negli ultimi mesi, farà il suo ritorno in campo all’inizio del 2021, nella speranza di bissare l’exploit del 2017.

Secondo numerosi addetti ai lavori, è difficile pensare che l’ex numero 1 del mondo sarà competitivo per la conquista degli US Open, visto che Federer compirà 40 anni ad agosto del prossimo anno.

Come dichiarato dal suo connazionale Marc Rosset nei giorni scorsi, l’ascesa di Dominic Thiem (fresco campione a New York) potrebbe aiutare Roger a frenare la marcia di Nadal e Djokovic. L’austriaco ha già centrato due finali consecutive al Roland Garros e quest’anno potrebbe essere la volta buona per rovesciare il dominio del maiorchino.

Il numero 3 ATP ha rivelato che Federer è stato uno dei primi a complimentarsi con lui dopo il successo agli US Open.

Thiem: "Federer è unico nel suo genere"

“Roger Federer si è congratulato con me dopo la vittoria agli US Open” – ha raccontato Thiem in una recente intervista a Blick.

“Prometto che farò tutto il possibile affinché Roger rimanga il numero uno. Nessun altro giocatore può essere paragonato a Federer, è semplicemente unico nel suo genere, oltre ad essere molto più elegante e grazioso rispetto a me” – ha aggiunto.

Dominic è consapevole che non sarà facile ripetersi a Parigi: “Penso che Nadal sia sempre il favorito sulla terra rossa se sta bene. Ha vinto 12 volte qua, è una cosa incredibile. Stiamo parlando del migliore di sempre su questa superficie.

Quest’anno le condizioni sono diverse e le palline sono cambiate, ma lui resta il favorito. Dietro di lui c’è Novak Djokovic, poi veniamo io, Alexander Zverev, Daniil Medvedev e Stefanos Tsitsipas. Se devo essere sincero, preferirei condizioni di gioco più rapide”.