Le parole di Novak Djokovic sul record detenuto da Roger Federer



by   |  LETTURE 7877

Le parole di Novak Djokovic sul record detenuto da Roger Federer

Novak Djokovic non si è mai nascosto: i suoi due più grandi obiettivi sono diventare il giocatore con più settimane trascorse da numero uno del mondo ed il tennista con più titoli del Grande Slam conquistati in carriera.

In entrambi i casi, i suoi due principali rivali sono Roger Federer e Rafael Nadal. Mancano precisamente 23 settimane al serbo per superare il record di settimane in vetta alla classifica mondiale detenuto da Federer. Nella lotta al primato Slam, invece, la situazione si fa più delicata, perché lo svizzero e lo spagnolo hanno vinto rispettivamente 20 e 19 Major, mentre Djokovic è fermo a 17.

Djokovic si espone sul record di Roger Federer

In un’intervista al sito ufficiale dell’ATP, il belgradese ha parlato proprio delle sue ambizioni e delle sue possibilità. “Ovviamente, sono a conoscenza del numero di settimane che mi separano dal record” , ha dichiarato Djokovic.

“Mi sto avvicinando. Sono in un’ottima posizione. Sto giocando bene e sono in salute, ed è fantastico. Farò il massimo nei prossimi mesi per raggiugnere questo traguardo e questo obiettivo. Allo stesso tempo, non posso guardare troppo avanti e non posso prevedere cosa succederà nei prossimi anni, sia dal punto di vista del tennis che della mia vita.

Essere uno dei migliori giocatori richiede continuità , determinazione e sacrifici. Non basta giocare bene per un mese o due mesi all’anno. Devi giocare bene tutto l’anno per essere il migliore. Questa è probabilmente la più grande sfida che dobbiamo affrontare nel tennis: essere il numero uno più longevo della storia” .

Dopo la squalifica ricevuta agli US Open ed il titolo conquistato agli Internazionali d’Italia, Djokovic sarà impegnato al Roland Garros. Il serbo ha vinto una sola volta questo torneo e la sfida quest’anno, considerando le anomale condizioni di gioco, sarà ancora più dura. Al primo turno, Djokovic se la vedrà con lo svedese Mikael Ymer.