Federer, l'ex coach: "Vedo Djokovic molto nervoso, meglio che si prende una pausa"



by   |  LETTURE 5536

Federer, l'ex coach: "Vedo Djokovic molto nervoso, meglio che si prende una pausa"

Dopo la clamorosa eliminazione arrivata in un modo particolare agli ultimi Us Open, Novak Djokovic si è riscattato alla grande agli Internazionali di Roma dove ha ottenuto il suo quinto successo ed ha conquistato il 36esimo Masters 1000 in carriera staccando così l'eterno rivale Rafael Nadal.

Per il serbo, nonostante tutto, è una stagione da sogno con cinque tornei vinti negli ultimi sei negli ultimi nove mesi. Intervenuto ai microfoni di Tennis Channel, Paul Annacone, ex coach di Roger Federer, ha parlato cosi nel corso di un'intervista della prestazione di Novak Djokovic agli Internazionali d'Italia e nonostante la grande forma ha dichiarato che ha notato in Novak qualche distrazione.

Le parole dell'ex coach di Federer su Novak Djokovic

Paul Annacone, ex coach del 20 volte campione di titoli del Grande Slam Roger Federer, ha rilasciato interessanti dichiarazioni sul campione serbo. Ecco le sue parole: "Come confermato anche da Novak quella a Roma non è stata la sua settimana migliore.

Penso che la chiave per tutti i grandi giocatori di tennis sia trovare il modo di riuscire a vincere tornei nonostante non sia la propria settimana migliore. È quello che ha fatto a Roma Novak Djokovic, si è visto anche in finale.

È partito male contro Schwartzman, subito 0-3 con doppio break e poi è riuscito a recuperare: "Continua a stupire, il suo gioco è davvero molto efficiente e sa gestirsi in ogni situazione. L'unica cosa che mi preoccupa di Novak Djokovic è il suo stato d'animo perché spesso appare molto irritabile.

Se fossi lui o il suo team gli direi di prendersi un paio di giorni di pausa dal tennis. Rilassati, vai via e ricaricati un po'" Djokovic ha vinto gli Internazionali d'Italia battendo in finale 7-5,6-3 Diego Schwartzman e ha raggiunto così l'ennesimo record.

In riferimento a Rafa, Annacore dichiara: "Ma sai, Diego ha dimostrato qui a Roma che Nadal è battibile anche sulla terra rossa. Rafa al Roland Garros sarà il favorito numero uno, ma abbiamo visto che ci sono tennisti che possono vincere contro di lui, anche sulla terra rossa"