Fabio Fognini: "Le sconfitte con Roger Federer sono quelle che rimpiango di meno"



by   |  LETTURE 4660

Fabio Fognini: "Le sconfitte con Roger Federer sono quelle che rimpiango di meno"

I fan si interrogano spesso su quale giocatore possa essere considerato il più grande di sempre. Basando questa ideale classifica sul numero di titoli Slam vinti, Roger Federer meriterebbe il premio di ‘GOAT’, ma gli eterni rivali Rafael Nadal e Novak Djokovic sono ormai sempre più vicini ad eguagliare i suoi record.

Se lo spagnolo dovesse riuscire a conquistare il Roland Garros per la 13ma volta, aggancerebbe proprio Federer a quota 20 Major. Diverso il discorso per Novak Djokovic, che agli US Open ha fallito una grande chance per ridurre ulteriormente il suo gap da Roger e Rafa.

Aldilà di ogni dibattito, non ci sono invece dubbi sul fatto che Federer sia il tennista più popolare e ammirato in giro per il mondo. Basti pensare che l’ex numero 1 del mondo ha vinto per 13 volte l’ATP Tour Sportsmanship Award, votato dagli stessi colleghi del circuito ATP.

Nel suo libro intitolato ‘Warning: My Life Between the Lines’, Fabio Fognini ha elogiato le straordinarie qualità di Federer sia dentro che fuori dal campo.

Fognini: "Federer è gentile e scherzoso con tutti"

“Di tutte le sconfitte che ho patito nella mia carriera, le disfatte contro Roger Federer sono quelle che rimpiango di meno.

So di aver dato tutto quello che avevo ogni volta e di aver perso contro il migliore di sempre” – ha scritto il veterano ligure. A differenza di ciò che in molti pensano, il 20 volte campione Slam è un tipo molto gioviale fuori dal rettangolo di gioco.

“Roger ama scherzare tutto il tempo. Mi prende sempre in giro dicendo che sono molto bello. Vorrebbe essere bello come me. Sono sempre stato sorpreso dalla differenza tra il Federer tennista e quello della vita quotidiana.

È una persona gentile, scherzosa e sempre cordiale con tutti” – ha aggiunto Fognini. Il 39enne di Basilea ha disputato solo gli Australian Open quest’anno, prima di operarsi al ginocchio destro salutando tutti fino al 2021. Federer ha già messo nel mirino Wimbledon e le Olimpiadi di Tokyo.