Piatti: "Faccio vedere a Sinner molte partite di Federer, Djokovic e Nadal"



by   |  LETTURE 6342

Piatti: "Faccio vedere a Sinner molte partite di Federer, Djokovic e Nadal"

Roger Federer, Novak Djokovic e Rafael Nadal hanno vinto insieme 56 titoli del Grande Slam, 98 tornei Masters 1000 e 11 ATP Finals. I Big Three stanno dando vita ad una delle epoche più emozionanti della storia del tennis, superando ogni record precedentemente siglato.

Trionfare contro uno di questi tre fenomeni è una delle imprese più difficili per un tennista e sono pochi i giocatori che possono raccontare di averli battuti in carriera.

Sinner a lezione da Federer, Djokovic e Nadal

Due delle qualità che legano Federer, Djokovic e Nadal sono la forza mentale e la capacità di giocare il loro miglior tennis nei momenti clou delle partite.

Lo sa benissimo Riccardo Piatti, che ha lavorato con il serbo ad inizio carriera. L’allenatore italiano, ora, ha scelto di aiutare Jannik Sinner nel suo percorso di crescita; un percorso che non può fare meno di studiare ed analizzare alcune delle partite più combattute dei Big Three.

“Nel tennis vince chi sa risolvere meglio i momenti difficili delle partite, e Jannik lo ha fatto contro Stefanos Tsitsipas” , ha dichiarato Piatti. “Faccio vedere a Jannik molte partite di Federer, Djokovic e Nadal in modo che capisca come affrontare le situazioni chiave di volta in volta” .

Della stessa idea è anche Nicolas Massu, allenatore di Dominic Thiem, che in una recente intervista ha spiegato. "A volte sei il favorito ed altre no, questo è il mondo dello sport. Lo vedi in ogni torneo. Devi abituarti a gestire correttamente queste situazioni.

Gestire i momenti importanti nel modo migliore fa la differenza. Ecco perché Roger Federer, Novak Djokovic e Rafael Nadal vincono da 15 anni e sono i migliori della storia. Dominic si sta avvicinando a loro. In Australia è andato molto vicino a battere Novak.

Devi essere sempre attento ed avere il massimo rispetto di tutti i tuoi avversari. Puoi perdere e vincere con con chiunque” . Ricordiamo che l'ultimo vincitore degli US Open ha deciso di saltare il Masters 1000 di Roma per recuperare le energie ed arrivare nelle migliori condizioni possibili al Roland Garros.