Dominic Thiem: "Roger Federer è l'esempio perfetto di superstar"



by   |  LETTURE 3932

Dominic Thiem: "Roger Federer è l'esempio perfetto di superstar"

Dominic Thiem ha realizzato una rimonta pazzesca pochi giorni fa aggiudicandosi il suo primo titolo Slam agli US Open 2020. Il numero 3 del mondo, che aveva perso le prime tre finali disputate nei Major, ha rischiato seriamente di allungare il suo filotto negativo, dato che Alexander Zverev si era portato avanti di due set e un break sull’Arthur Ashe Stadium vuoto (o quasi).

Quando il destino del match pareva ormai segnato, il calo di Sascha e la crescita esponenziale dell’austriaco hanno rimesso in equilibrio l’incontro, fino all’emozionante conclusione al tiebreak del quinto set.

Per Dominic è stata un’autentica liberazione, mentre il tedesco rischia di rimpiangere questa sconfitta per molto tempo. In una recente sessione di domande e risposte, Thiem ha ricevuto molti quesiti su Roger Federer.

In particolare, l’allievo di Nicolas Massu ha raccontato come ci si senta ad allenarsi e ad affrontare il 20 volte campione Slam per la prima volta.

Thiem: "Federer è una persona eccezionale"

“Quando ero un ragazzino di 16 anni, mi è stato permesso di allenarmi con lui per la prima volta ad Aorangi Park a Wimbledon.

All’inizio ero molto nervoso, ho spedito a malapena una pallina aldilà della rete. Dopo alcuni minuti mi sono tranquillizzato per fortuna. Non avrei pensato di riuscire a battere Roger Federer un giorno” – ha ricordato Thiem.

“Federer è una persona eccezionale. Rappresenta l’epitome di una superstar. Mi viene in mente quando l’ho sconfitto la prima a volta a Roma nel 2016. Bisogna ammettere che lui era ben lontano dalla migliore condizione fisica in quel momento.

Aveva evidenti problemi alla schiena. Tuttavia, è stato un giorno davvero speciale per me! La vittoria più incredibile è stata nella finale di Indian Wells. La sua popolarità in tutto il mondo è incredibile, ancora di più negli Stati Uniti” – ha aggiunto.

Federer e Thiem si sono affrontati sette volte, con l’austriaco avanti 5-2 nel bilancio degli head-to-head (avendo vinto gli ultimi tre match disputati).