Roger Federer lavora duramente in vista del suo ritorno in campo



by   |  LETTURE 11062

Roger Federer lavora duramente in vista del suo ritorno in campo

Roger Federer ha dovuto porre fine al suo 2020 in anticipo a causa della dura operazione subita al ginocchio destro lo scorso giugno. Non sarà la prima volta che il campione svizzero resterà fermo ai box per diversi mesi ed il precedente fa ben sperare tutti i suoi fan.

Impossibile dimenticare il suo incredibile rientro nel 2017, quando vinse il suo diciottesimo Slam in un’epica finale contro Rafael Nadal in Australia. Quello fu solo il primo dei tanti trofei sollevati al cielo da Federer nel corso della stagione.

Oltre agli Australian Open, l’attuale numero quattro del ranking ATP riuscì infatti a conquistare Wimbledon, i Masters 1000 di Indian Wells, Miami e Shanghai, ed i tornei di Halle e Basilea. A 39 anni non sarà sicuramente facile tornare in campo e replicare quel fantastico 2017, ma quando si parla di Roger Federer è impossibile porsi dei limiti, come la storia ha insegnato.

Federer aumenta i carichi di lavoro e mette nel mirino gli Australian Open

L’elvetico, ora, non vede l’ora di competere contro i più forti tennisti del mondo per dimostrare tutto il suo valore. Secondo i media svizzeri, Federer sarebbe entrato in una nuova fase del suo tortuoso percorso di recupero ed avrebbe quindi aumentato significativamente i carichi di lavoro.

L’obiettivo è quello di presentarsi nelle migliori condizioni possibili in vista degli Australian Open e del 2021. Nel frattempo, Greg Rusedski ha provato a mettersi nei panni di Federer ed immaginare quella che sarà la realtà con cui dovrà fare i conti il 20 volte campione Slam.

“L’ultima volta che si è preso sei mesi di pausa, è tornato in una forma pazzesca. Mi aspetto che Federer torni alla grande l’anno prossimo” – ha dichiarato il britannico ad Amazon Prime Video.

“Giocherà soltanto dove pensa di poter vincere. Il grande obiettivo per lui sono le Olimpiadi di Tokyo. Gli manca ancora la medaglia d’oro in singolare ed è qualcosa che gli interessa molto, così come vincere un altro Slam. Penso che tornerà e sarà competitivo nel 2021, quindi non bisogna sottovalutarlo” .