Gauff: "Roger Federer è superiore a me per le sue abilità, non perché è un uomo"



by   |  LETTURE 6222

Gauff: "Roger Federer è superiore a me per le sue abilità, non perché è un uomo"

Nonostante la sua giovanissima età, Cori Gauff ha dimostrato di non avere nessuna paura quando si tratta di dover esprimere le sue opinioni. La stella americana ha esternato il suo appoggio al movimento ‘Black Lives Matter’ negli Stati Uniti, affermandosi come un’atleta desiderosa di avere anche un impatto sociale.

Mentre rispondeva ad alcune domande dei fan sull’applicazione ‘Tik Tok’, Coco si è infuriata quando uno dei suoi follower ha insinuato che esista un divario tecnico gigantesco fra il tennis maschile e quello femminile.

Visibilmente contrariata, Gauff si è lanciata in un improbabile paragone tra lei e Roger Federer. Attualmente, la numero 53 del mondo vanta un record di cinque vittorie e due sconfitte nel 2020. Cori è impegnata questa settimana a Lexington, dove ha battuto in due set Caroline Dolehide al primo turno.

Ad attenderla c’è la numero 2 del seeding Aryna Sabalenka.

Gauff e il paragone con Roger Federer

“Per prima cosa, anche se sono ancora giovane, faccio parte del circuito professionistico con donne adulte.

Come atleta, non ho alcun problema ad ammettere che altre giocatrici siano migliori di me perché le loro abilità sono superiori alle mie. Tuttavia, se pensi di essere migliore di me per il solo fatto che sei un maschio e io sono una femmina, non ha alcun senso.

Ad esempio, Roger Federer può dire che è superiore a me perché il suo livello di gioco attuale è molto migliore del mio. Tuttavia, se dicesse che può battermi soltanto per il fatto che io sono una ragazza, allora sarebbe una cosa stupida” – ha risposto Gauff.

Quest’ultima aveva scioccato il mondo lo scorso anno a Wimbledon, quando ha sconfitto il suo idolo Venus Williams ad appena 15 anni. Allo US Open 2019 è giunta fino al terzo round, diventando la più giovane di sempre a riuscire in quest’impresa dai tempi di Anna Kurnikova.

Positivo anche il suo cammino all’Australian Open 2020, dove si è tolta la soddisfazione di eliminare la campionessa in carica Naomi Osaka.