Roger Federer: "Ho sempre mangiato pasta prima di scendere in campo"



by   |  LETTURE 4583

Roger Federer: "Ho sempre mangiato pasta prima di scendere in campo"

Se da un lato le sessioni di allenamento svolgono un ruolo fondamentale nella preparazione di un atleta, non c’è dubbio che la dieta sia un altro dei fattori da considerare per il corretto sviluppo di uno sportivo.

Essendo il tennis uno sport individuale, i giocatori devono farsi trovare nelle migliori condizioni per poter competere ai massimi livelli. Questo vale anche per una leggenda del calibro di Roger Federer. All’età di 39 anni, l’ex numero 1 del mondo necessita di mantenere un’alimentazione equilibrata e nutriente.

Il 20 volte campione Slam, che quest’anno ha disputato solo gli Australian Open, si è fatto apprezzare per il recente spot con Carola e Vittoria, le due ragazze italiane autrici di un video diventato virale durante il lockdown.

La Barilla, che è uno degli sponsor di Federer, ne ha approfittato per realizzare una pubblicità tanto innovativa quanto emozionante.

Federer: "È importante godersi il cibo"

“Il segreto per una dieta sana e moderata consiste nel mangiare tutto nella giusta misura.

Qualunque cosa tu faccia, è necessaria la moderazione, ma allo stesso tempo è anche giusto godersi il cibo” – ha dichiarato Federer a margine delle riprese. “La pasta ha sempre funzionato bene per me prima delle partite.

Ho mangiato pasta prima di quasi ogni partita e ne ho giocate 1500 ora. Adoro ancora farlo come il primo giorno. È importante rimanere in buona salute” – ha aggiunto. A causa della lunga sospensione del circuito, l’otto volte campione di Wimbledon ha potuto trascorrere più tempo del solito insieme alla sua famiglia.

“Facciamo davvero un grande sforzo e ci assicuriamo di stare tutti assieme a tavola per una o due volte al giorno, sicuramente per più volte alla settimana. Credo che sia importante parlare delle nostre giornate, di ciò che è successo, e non semplicemente sedersi, mangiare velocemente e scappare.

Per me i pasti sono anche un modo per vederci e conversare, dato che le nostre vite sono sempre molto occupate” – ha concluso Roger.