Roger Federer: "Non ho mai visto né i genitori né gli amici durante il lockdown"



by   |  LETTURE 3195

Roger Federer: "Non ho mai visto né i genitori né gli amici durante il lockdown"

Gli ultimi sei mesi sono stati un’altalena di emozioni per la leggenda svizzera Roger Federer. Da un lato, il fenomeno di Basilea si è ritrovato fuori gioco a causa di una doppia operazione al ginocchio destro, ma dall’altro ha potuto trascorrere molto tempo con moglie e figli.

La sosta forzata dovuta al Coronavirus ha giovato in qualche modo all’ex numero 1 del mondo, che salterà soltanto uno scorcio di stagione mantenendo un ottimo ranking grazie al nuovo sistema. Come già era avvenuto nel 2016, il 20 volte campione Slam ha deciso di prendersi tutto il tempo necessario per ritrovare il 100% della forma, motivo per cui lo ritroveremo in campo all’inizio del 2021.

Roger avrà come grandi obiettivi Wimbledon e le Olimpiadi di Tokyo, slittate al prossimo anno a causa della situazione legata alla pandemia. In una recente intervista a SRF, Federer ha analizzato l’impatto del COVID-19 sulla sua vita familiare.

Federer: "Abbiamo preso il virus con grande serietà"

“Non ho mai visto i miei genitori e i miei amici. Abbiamo preso il virus con grande serietà. Lo abbiamo anche dovuto spiegare ai bambini. Le due ragazze hanno ora undici anni, quindi l’hanno capito subito.

I ragazzi se lo sono dimenticati ad un certo punto” – ha raccontato l’otto volte campione di Wimbledon. Il 38enne elvetico ha anche aggiunto di aver giocato una sola volta dopo l’esibizione benefica con Rafael Nadal a Città del Capo.

Federer ha confidato che i suoi figli non vedono l’ora di recarsi a Tokyo per le Olimpiadi. “Ai bambini piacerebbe tanto venire. Ne stiamo ancora parlando. Una delle mie figlie ha addirittura espresso il desiderio di imparare il giapponese” – ha dichiarato Re Roger.

Le sue figlie non erano ancora nate quando Federer vinse l’oro in doppio a Pechino 2008, mentre avevano solo tre anni quando si aggiudicò l’argento alle Olimpiadi di Londra nel 2012. Il veterano rossocrociato non ha preso parte alle Olimpiadi di Rio 2016 a causa di un infortunio al ginocchio.