Roger Federer: “Dopo 20 anni sul Tour, felice di prenderne uno libero”



by   |  LETTURE 1698

Roger Federer: “Dopo 20 anni sul Tour, felice di prenderne uno libero”

Dopo l’annuncio ufficiale comunicato dall’ATP del temporaneo stop al circuito maschile giunto lo scorso marzo, il tour dovrebbe finalmente ripartire nella seconda metà di agosto con l’appuntamento del Masters 1000 di Cincinnati, al via dal 22.

Per quanto riguarda le Olimpiadi di Tokyo, previste per questa estate, queste sono state direttamente spostate al prossimo anno. In un’intervista per SRF Sport, l’ex numero uno del mondo Roger Federer ha parlato dell’attuale situazione nel tennis.

Federer: "Sono sicuro che anche gli altri giocatori siano felici di godersi una pausa"

Semifinalista quest’anno agli Australian Open, il campione elvetico ha detto: “No, io non ho ancora cominciato la preparazione mentale in vista dei prossimi Giochi di Tokyo.

Quando sei stato sul circuito per vent’anni, sei felice di trascorrere una stagione più tranquilla. Disputiamo così tanti match e prendiamo parte a così tante competizioni che, non appena ti fermi, sai bene che qualcun altro nel frattempo sta vincendo.

Ecco perché è così difficile poter dire: ‘Mi prendo una pausa’. Adesso sono tutti obbligati a farla e credo che il 99% dei giocatori stia pensando: ‘Per fortuna adesso la pausa me la posso prendere’.

Il tennis non conosce soste. Non riusciresti comunque a prepararti per Tokyo perché ci sarebbero altri venti tornei prima. Sono anche molto importanti, sebbene non quanto i Giochi Olimpici, che hanno un altro significato.

Ma di grandi eventi ce ne sono tanti. Ecco perché, detto sinceramente, la preparazione inizia solo tre mesi prima. C’è quel blocco del Roland Garros, Wimbledon e delle Olimpiadi. Dipende su quale superficie queste vengano disputate, anche se nel tennis è un classico il campo veloce in cemento come a Tokyo.

Tutti possono giocare sul cemento, ma tu devi prepararti per la terra e per l’erba”. Roger, che ha trascorso il periodo di quarantena in Svizzera, ha già avuto modo in passato di esprimersi a tal proposito: “E’ stata la prima volta in vent’anni che sono rimasto nello stesso posto per cinque o sei settimane. Ovvio che me lo sia goduto”, ha affermato qualche settimana fa.