Jannik Sinner: "Il mio sogno è battere Roger Federer sul Centrale di Wimbledon"



by   |  LETTURE 2652

Jannik Sinner: "Il mio sogno è battere Roger Federer sul Centrale di Wimbledon"

La stella nascente del tennis italiano Jannik Sinner ha rivelato quali erano alcuni dei suoi obiettivi futuri ed il suo sogno nel cassetto per la sua carriera. Tra questi c'è sicuramente una vittoria su Roger Federer, una vittoria che il tennista di San Candido vorrebbe su un palcoscenico particolare.

Sinner ha difatti dichiarato di voler vincere contro il campione svizzero sull'erba dell'All England Club di Wimbledon. Roger Federer ha vinto ben 8 titoli nella storia a Wimbledon, è il tennista che ha ottenuto più successi in questo storico torneo e l'anno scorso è stato coinvolto una finale quasi "drammatica" contro il numero 1 al mondo attuale e suo grande rivale Novak Djokovic.

Il serbo ha annullato due match point sul servizio di Federer ed ha conquistato un'incredibile vittoria. Dal canto suo, Sinner, mirava a fare il suo debutto a Wimbledon nel 2019, ma non è andato oltre il primo turno di qualificazione.

Attuale numero 73 al mondo, Sinner ha mostrato nello scorso anno grandi margini di crescita ed ha ottenuto il suo exploit con la vittoria delle NextGen Finals Atp di Milano.

Sinner sul rientro di Federer

Nel corso di un'intervista a SportsKeeda, Sinner ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "So di avere solo 18 anni, ma il mio obiettivo al momento è giocare.

È la cosa che mi piace di più e più gioco più provo piacere. Il mio obiettivo principale è vincere gli Us Open, ma il mio sogno nel cassetto è battere Roger Federer sul campo centrale di Wimbledon"

Attualmente Federer è fermo ai box a causa di un infortunio ed il suo rientro è previsto solo per il 2021. A riguardo Sinner ha commentato: "Spero che giocherà di nuovo la prossima stagione e che tornerà al meglio"

L'inizio di 2020 di Sinner non è stato straordinario, ma il tennista italiano ha ottenuto nell'ultimo Australian Open la sua prima vittoria in un incontro del Grande Slam.