Roger Federer: "Mio padre mi dice sempre quello che pensa senza filtri"



by   |  LETTURE 2811

Roger Federer: "Mio padre mi dice sempre quello che pensa senza filtri"

Prima di diventare uno dei tennisti più forti di sempre, Roger Federer ha più volte ricoperto il ruolo di raccattapalle a Basilea. Ancora oggi, al termine di ogni edizione del torneo di casa, il fenomeno svizzero è solito condividere una pizza con tutti i ball boy che hanno permesso la realizzazione dell’evento.

Il 20 volte campione Slam, che non mette piede in campo dall’esibizione benefica con Rafael Nadal a Città del Capo, ha raccontato la sua esperienza da ball boy in occasione del lancio di una nuova linea di scarpe denominate ‘The Roger’.

L’ex numero 1 del mondo tornerà in campo solo all’inizio della prossima stagione, con il chiaro obiettivo di aggiudicarsi il suo nono titolo a Wimbledon e magari l’oro alle Olimpiadi di Tokyo (slittate al 2021 a causa dell’emergenza Coronavirus).

Federer: "Mio padre mi ha sempre sfidato un po"

“Mi è piaciuto molto fare il raccattapalle. Lo facevo nel mio torneo di casa, a Basilea. Quest’anno il torneo avrebbe dovuto celebrare il suo 50° anniversario, me è probabile che venga rimandato al prossimo anno.

Ho sempre pensato che fare il ball boy fosse un modo fantastico per assistere ad un evento dal vivo. Adoro il tennis, quindi non mi dispiaceva spazzare il campo, raccogliere le palline e far parte di quell’ecosistema” – ha raccontato Federer.

Il veterano di Basilea non ha mai nascosto l’importanza dei suoi genitori: “Mio padre è stato grandioso, tutt’ora lo è. Mi dice sempre ciò che prova senza filtri. Mi ha sempre sfidato un po’.

Sarebbe in grado di chiamarmi dopo che ho vinto un torneo per dirmi che il rovescio non ha funzionato a dovere. Anche io voglio essere così onesto con i miei figli. Mi ha sempre spronato ad allenarmi nel modo giusto, non ad essere necessariamente il migliore, ma a non smettere mai di provarci.

Avevo molto talento e a volte non lavoravo come avrei dovuto. Pensavo di essere intelligente risparmiando fatica. Ho imparato molto da lui e dalla mamma, sono stati genitori meravigliosi. Ho ancora una relazione meravigliosa con loro”.