Roger Federer: "È possibile che le Olimpiadi di Tokyo non vengano mai disputate"



by   |  LETTURE 1996

Roger Federer: "È possibile che le Olimpiadi di Tokyo non vengano mai disputate"

In occasione del 17° anniversario del suo primo successo a Wimbledon, Roger Federer ha lanciato in edizione limitata la sua nuova linea di scarpe da passeggio denominate ‘The Roger’. Durante l’evento promozionale, il fenomeno svizzero ne ha approfittato per parlare di numerosi argomenti legati al tennis e non solo.

Il 20 volte campione Slam ha disputato soltanto gli Australian Open quest’anno, prima di subire un doppio intervento al ginocchio destro che lo terrà fermo fino all’inizio della prossima stagione. L’ex numero 1 del mondo ha infatti già messo nel mirino Wimbledon e le Olimpiadi di Tokyo, obiettivi entrambi sfumati nel 2020 a causa dello scoppio dell’emergenza Coronavirus.

Sono in molti a chiedersi se il 2021 possa rappresentare l’ultima annata di una carriera semplicemente irripetibile.

Federer: "Mi piacerebbe andare a Tokyo"

Nel corso dell’intervista, a Federer è stato chiesto di descrivere la sua giornata ideale.

“Mi vengono in mente due tipologie: vincere Wimbledon o un grande torneo, oppure non fare nulla. Solo stare con la mia famiglia, non avere impegni, svegliarmi con una bella tazza di caffè, incontrare i miei amici, vedere i miei genitori e la mia famiglia e concludere la giornata davanti a un bel tramonto.

Roba semplice” – ha risposto Roger. Non poteva mancare una domanda sulle Olimpiadi, che slitteranno al prossimo anno. “Ovviamente, è stata una grande delusione per tutti gli atleti che le Olimpiadi siano state rimandate.

Ora speriamo che andranno in scena nel 2021. Non si può essere certi visto che ci troviamo nel bel mezzo di una pandemia. La mia prima Olimpiade risale al 2000, avevo 18-19 anni. Lì ho incontrato la mia attuale moglie.

Sono arrivato quarto, molto vicino alle medaglie. È stata comunque una grande emozione. Nel 2004 e nel 2008, ho avuto l’onore di portare la bandiera della Svizzera, che è uno dei massimi riconoscimenti che si possano ottenere.

Ho anche vinto l’oro olimpico con il mio amico Stan Wawrinka nel doppio. Nel 2012 ho perso in finale contro Andy Murray vincendo l’argento. Purtroppo nel 2016 non sono potuto andare a Rio a causa di un’operazione al ginocchio. Quest’anno sappiamo cosa è successo. Mi piacerebbe andare a Tokyo” – ha concluso Federer.