Luthi: “Roger Federer sta bene, la riabilitazione è andata come previsto”



by   |  LETTURE 3812

Luthi: “Roger Federer sta bene, la riabilitazione è andata come previsto”

Poco dopo la sconfitta in semifinale agli Australian Open contro il serbo Novak Djokovic e il match di esibizione del Match for Africa, l’ex numero uno ATP e vincitore di 20 prove del Grand Slam Roger Federer annunciava di essersi sottoposto ad un intervento artroscopico al ginocchio destro.

Qualche settimana più tardi, quando la pandemia di Coronavirus raggiungeva progressivamente l’intero pianeta, l’elvetico decise di affrontare un secondo intervento, visto che il primo non aveva ottenuto gli effetti sperati: “Qualche settimana fa, dopo una battuta d’arresto nel periodo iniziale della riabilitazione, ho dovuto procedere nuovamente ad una rapida procedura artroscopica al ginocchio”, scrisse su Twitter.

“Adesso, proprio come durante la preparazione per la stagione 2017, ho intenzione di prendermi il tempo necessario per tornare al 100% del mio livello. Mi mancheranno tantissimo i miei fan e il circuito ATP, ma non vedo l’ora di incontrarvi di nuovo tutti all’inizio del 2021”.

Severin Luthi, allenatore e grande amico del campione di Basilea, in una nuova intervista per SRF Sport ha rivelato le attuali condizioni del suo giocatore.

Severin Luthi: "La riabilitazione di Federer è andata secondo i piani"

In effetti già tre anni fa, nel 2017, lo svizzero tornava in campo dopo un’operazione chirurgica e ricordiamo benissimo tutti com’è andata: con la vittoria agli Australian Open e a Wimbledon, oltre a quelle nei Masters 1000 di Indian Wells, Miami e Shanghai.

“Roger sta bene”, ha detto oggi Luthi. “La riabilitazione dal secondo intervento è andata come previsto. Fin’ora non c’è stata molta intensità, presto comincerà una sessione fisica con Pierre Paganini”.

Luthi ha poi parlato dei momenti successivi alla finale di Wimbledon dello scorso anno, persa con due match point a favore col servizio: “Circa tre ore dopo la finale di Wimbledon 2019 siamo andati nella casa affittata da Roger, c’erano più o meno 30 persone, non avresti mai detto che aveva appena perso una partita così importante, ha un’incredibile abilità a guardare avanti in modo positivo”.