Rosset: "Le dichiarazioni del padre di Djokovic su Roger Federer sono inammissibili"



by   |  LETTURE 11233

Rosset: "Le dichiarazioni del padre di Djokovic su Roger Federer sono inammissibili"

Di recente, hanno fatto molto scalpore le dichiarazioni del padre del numero 1 del mondo Novak Djokovic nei confronti di Roger Federer. Non è la prima volta che la famiglia del serbo rivolge commenti poco gentili verso il campione di Basilea, dato che anche la madre di Nole aveva definito Roger come una persona abbastanza arrogante.

Djokovic è finito nella bufera dopo essere stato costretto ad annullare l’Adria Tour, l’esibizione da lui stesso organizzata senza rispettare i protocolli sanitari e le norme sul distanziamento sociale.

Novak e sua moglie Jelena sono risultati positivi al Coronavirus insieme ad altri giocatori, il che ha offerto ai suoi detrattori la ghiottissima opportunità di chiedere la sua rimozione da presidente del Consiglio dei giocatori.

Nel corso di una lunga intervista a Bluewin, l’ex medaglia d’oro olimpica Marc Rosset ha evidenziato tutti i suoi dubbi per i comportamenti di Djokovic e la sua famiglia.

Rosset su Novak Djokovic

“Da un punto di vista generale, Novak Djokovic rappresenta un enigma.

Se prendiamo la cronologia delle ultime settimane, ci sono state le parole di suo padre contro Roger Federer che trovo inammissibili. Anche se ami tuo figlio più di ogni altra cosa al mondo, non puoi dire cose del genere.

Se lo avesse fatto mio padre, sarei tornato a casa e gli avrei tirato una torta sulla faccia! Non puoi permetterti esternazioni di quel tipo” – ha tuonato Rosset. Le suddette dichiarazioni hanno fatto infuriare numerosi appassionati di tennis, mentre Federer non ha mai risposto pubblicamente alle critiche.

Nel frattempo, il quotidiano spagnolo Marca ha riportato che Novak Djokovic avrebbe manifestato ai colleghi la sua preoccupazione in merito allo svolgimento degli US Open. La situazione a New York è in via di miglioramento, ma la necessità di doversi sottoporre ad una quarantena di 14 giorni al ritorno in Europa impedirebbe ai giocatori di spostarsi a Madrid e Roma per il prosieguo della stagione. Nei prossimi giorni si attendono dunque ulteriori precisazioni per scongiurare il rischio cancellazione.