Diego Schwartzman: “Non vorrei affrontare Federer, Nadal o Djokovic”



by   |  LETTURE 2219

Diego Schwartzman: “Non vorrei affrontare Federer, Nadal o Djokovic”

Dopo mesi di inattività a causa della pandemia globale da Coronavirus, il circuito ATP riprenderà ufficialmente il prossimo 14 agosto con il Citi Open di Washington. La settimana successiva sarà invece la volta del Western & Southern Open di Cincinnati, primissimo evento Masters 1000 ad essere disputato in questo sciagurato 2020.

Il 31 agosto prenderanno il via gli Us Open di New York, che vedranno a difendere il titolo Rafael Nadal. A settembre ecco invece i tornei di Kitzbuhel, Madrid, gli Internazionali BNL d’Italia e infine il Roland Garros di Parigi, spostato dopo mille polemiche alla fine dell’estate.

L’argentino Diego Schwartzman, best ranking al numero 11 del mondo un paio di anni fa, ha concesso un’intervista al sito web dell’ATP commentando il ritorno del circuito ormai sempre più vicino.

Schwartzman: "Non vedo l'ora di tornare in campo, ma non voglio affrontare i Big 3"

Il sudamericano ha raggiunto i quarti di finale al Roland Garros ed agli Us Open ed è il detentore di 3 titoli ATP (Istanbul, Rio de Janeiro e Los Cabos).

In doppio, l’anno scorso, è anche stato capace di spingersi sino alle semifinali del French Open in coppia col connazionale Guido Pella. “Sono rimasto fuori per diverse settimane”, ha detto Diego. “Quando stavo tornando in California per giocare ad Indian Wells, l’ATP ha sospeso il torneo quindi ho fatto ritorno in Argentina e da quel momento non mi sono più mosso.

Mi manca davvero molto il Tour, mi mancano tanti dei suoi giocatori e molti miei amici. Spero di giocare di nuovo ad agosto e di essere pronto per quel momento”. Schwartzman ha infine parlato dei Big 3 del tennis: “Non vorrei affrontare Djokovic, Nadal o Federer.

Roger non giocherà, ma di certo non vorrei competere con Nadal sulla terra battuta a Parigi. Non parteciperemo a molti tornei, ma quelli che faremo saranno importanti ed è per questo che non credo sia un bene giocare con i più forti.

Non vedo l’ora di disputare ogni singolo torneo. Il circuito è fermo da marzo, sono trascorsi troppi mesi lontani dal campo. Voglio giocare. È molto, molto importante allenarsi e fare un buon allenamento in queste settimane per essere pronti ad agosto. Voglio solo essere lì, rimanere in salute ed essere preparato per le partite”.