Henman: "Roger Federer, Nadal e Djokovic hanno reso prevedibile il tennis maschile"



by   |  LETTURE 2169

Henman: "Roger Federer, Nadal e Djokovic hanno reso prevedibile il tennis maschile"

Quando è stato cancellato il torneo di Indian Wells lo scorso 9 marzo a causa dello scoppio dell’emergenza Coronavirus, erano in molti a ritenere che si trattasse di una decisione eccessiva. La pandemia ha invece messo in ginocchio tutto il mondo nei mesi seguenti, obbligando anche Wimbledon e le Olimpiadi di Tokyo a dover rinunciare all’edizione 2020 (i Giochi sono stati spostati al 2021).

Se non dovessero esserci ulteriori complicazioni, entrambi i tour sono destinati a ripartire ad agosto, benché la situazione negli Stati Uniti sia ancora molto lontana dall’essere risolta. Sarà Palermo ad ospitare il primo torneo WTA, mentre l’ATP ripartirà da Washington, che farà da preludio al Masters 1000 di Cincinnati e agli US Open entrambi in scena a New York.

Henman: "Djokovic sarebbe stato il favorito a Wimbledon"

L’ex campione britannico Tim Henman ha sottolineato come Wimbledon non avesse altra scena vista la situazione. “I riflettori si sono spostati molto rapidamente sui Championships.

Wimbledon ha sicuramente esaminato tutte le diverse opzioni, ma è presto diventato chiaro che la cancellazione era l’unica cosa da fare. Penso che – tra gli uomini – Novak Djokovic sarebbe stato il favorito.

È il numero 1 del mondo per un motivo ben preciso, oltre ad essere il campione in carica. Non sarebbe stato per niente facile batterlo. Gli uomini sono abbastanza prevedibili, ci sono Djokovic, Roger Federer e Rafael Nadal, mentre tra le donne si potrebbe stilare un elenco di 15 o 20 giocatrici.

Credo che l’unica che mi abbia davvero impressionato per il suo gioco sia stata Bianca Andreescu, che ha vinto gli US Open lo scorso anno ed è ancora molto giovane” – ha dichiarato il britannico, prima di soffermarsi sulla ripresa della stagione.

“La maggior parte dei giocatori non vede l’ora di tornare in campo, anche se all’inizio il fisico potrebbe risentirne. Alcuni potrebbero giocare gli US Open come primo torneo potenzialmente, si tratta di partite al meglio dei cinque set, dovranno fare grande attenzione al loro corpo” – ha aggiunto.