Simon: "Roger Federer, Nadal e Djokovic non possono guidare il tennis per sempre"



by   |  LETTURE 3067

Simon: "Roger Federer, Nadal e Djokovic non possono guidare il tennis per sempre"

Il dominio dei Fab Four – Roger Federer, Rafael Nadal, Novak Djokovic e Andy Murray – ha impedito a numerosi giocatori di talento di vincere i tornei più importanti. Basti pensare che Federer, Nadal e Djokovic si sono aggiudicati 56 degli ultimi 67 Slam disputati, inclusi gli ultimi 13.

Gilles Simon, ex numero 6 ATP e vincitore di 14 titoli nel circuito maggiore, ha scritto un articolo per il sito dell’ATP, in cui ha espresso le innumerevoli difficoltà nel trovarsi a giocare nella stessa era di questi autentici fuoriclasse.

Il trionfo di Stan Wawrinka agli US Open 2016 rappresenta l’ultimo successo in un Major di un giocatore che non sia inserito nella magica triade.

Simon: "I Fab Four sono dei marziani"

“Sento che c’è bisogno di giocatori giovani per innalzare il livello del tennis.

Questo sport ha sofferto troppo a lungo, poiché le nuove generazioni non sono state abbastanza competitive da battere i Big Four. Non sto criticando ragazzi come Milos Raonic o Kei Nishikori o chiunque altro della loro stessa generazione, è solo che quei fenomeni sono troppo bravi.

Voglio solo rimarcare quanto siano forti Roger, Rafa, Novak e Andy. Pur avendo 20 anni in più di alcuni dei loro avversari, li battono ancora perché sono dei marziani. È pazzesco essere così continui per tanto tempo in ogni singolo torneo, ogni singola settimana.

All’inizio ero felice che i Next Gen non riuscissero a sconfiggerli, dato che io stesso ho dovuto provare quella sensazione per tutta la mia carriera. Tutti vorremmo vincere uno Slam. Potrebbe sembrare una scusa, ma con quei ragazzi era impossibile.

Adesso i Big 4 stanno invecchiando, devono giocare un po’ di meno, quindi si aprono maggiori possibilità. C’è bisogno che i giovani inizino a vincere, il nostro sport lo richiede. Ci sono giocatori con stili e personalità diversi.

Prendi ragazzi come Denis Shapovalov e Felix Auger-Aliassime, oppure Stefanos Tsitsipas e Sascha Zverev, senza dimenticare i giovani americani. Ne abbiamo bisogno perché Novak, Rafa e Roger non possono guidare il tennis per sempre” – ha spiegato Simon.