Federer, Djokovic e Nadal esprimono la loro solidarietà per la morte di George Floyd



by   |  LETTURE 4869

Federer, Djokovic e Nadal esprimono la loro solidarietà per la morte di George Floyd

II Big Three dalla parte di George Floyd

Dopo la morte dell’afroamericano George Floyd avvenuta nella città di Minneapolis, deceduto per soffocamento durante il suo arresto da parte di alcuni poliziotti, tantissimi sportivi hanno manifestato attraverso i social la loro vicinanza alla famiglia dell'uomo e a tutte le persone di colore che subiscono episodi di razzismo.

A seguito del tragico evento, circolato in rete grazie al video registrato da un testimone, è stato lanciato anche un hashtag condiviso anche da moltissimi tennisti: #BlackLivesMatter. Serena Williams, Coco Gauff, Naomi Osaka e Fraces Tiafoe per primi si sono uniti al dolore per la morte dell’uomo.

Tiafoe aveva persino creato un video a cui avevano partecipato diversi giocatori di tennis di colore, tra cui Osaka, Williams, Gauff, Gael Monfils, Jo Wilfried Tsonga, MaliVai Washington, Lori McNeil e Zina Garrison. Anche Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic in seguito si sono uniti alla lista e hanno mostrato il loro sostegno contro il razzismo, sfruttando i milioni di follower sui rispettivi profili social per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'argomento.

I pluricampioni del Grand Slam hanno pubblicato una foto di un quadrato nero sui loro account sui social media per supportare il Blackout Tuesday. Negli Usa intanto continuano gli scontri fra polizia e cittadini che dopo aver visto le immagini della morte di Floyd hanno deciso di scendere in strada per protestare contro l'abuso di potere e la violazione dei diritti che le forze dell'ordine in alcune occasioni hanno riservato ai cittadini di colore.

La caserma di Minneapolis, nello Stato del Minnesota è stata incendiata, ma le proteste si sono estese anche fuori dai confini del Paese. Sono oltre diecimila le persone arrestate dalle forze dell'ordine in questi giorni di scontri e violenze.

Il feretro di Floyd è arrivato nel grande santuario della North Central University dove si sono celebrati i funerali. L'evento è stato seguito in diretta mondiale, con la partecipazione dal vivo di migliaia di persone.