McEnroe su Kyrgios: "Per talento dietro solo a Federer, Nadal, Djokovic e Murray"



by   |  LETTURE 1085

McEnroe su Kyrgios: "Per talento dietro solo a Federer, Nadal, Djokovic e Murray"

John McEnroe non ha mai fatto mistero della sua passione tennistica per Nick Kyrgios. Anche l’americano ha dovuto lavorare affinchè il suo genio avesse la meglio sulla sua altrettanto genuina sregolatezza, e i risultati di questo lavoro non si sono fatti attendere, come dimostrano i sette titoli Slam che McEnroe ha conquistato nel corso della sua carriera.

Ben diverso il discorso, almeno fin qui, per Kyrgios, il cui genio è stato troppe volte bloccato da una sregolatezza che gli ha impedito di concentrarsi sul tennis e di dare continuità ai propri risultati. Ma sul talento dell’australiano McEnroe non ha dubbi, tanto da considerarlo sotto soltanto ai Big Four.

McErnoe elegge Kyrgios il più talentuoso dopo i Big Four

“Sul piano del puro talento, lo metto dietro ai Big Three. Se includiamo anche Andy Murray, metterei lui dietro le tre ovvie leggende, vale a dire Novak, Rafa e Roger; Murray ha vinto tre Slam, perciò dopo i tre fenomeni c’è lui” ha spiegato McEnroe in un’intervista concessa a Sports Sunday.

“Ma poi metto Kyrgios. Avrebbe dovuto già vincere qualche Slam, se solo fosse stato capace di restare centrato sul lavoro”. “Come tutti noi sappiamo, tutti noi che ci occupiamo di sport e atleti, non è solo questione del talento di cui si dispone, ma conta anche impegnarsi a fondo dal punto di vista fisico e mentale, desiderare profondamente la vittoria.

E Kyrgios non è in grado di farlo. Non so se sarà mai in grado di farlo. Spero di sì, perchè mi piace e sarebbe grandioso per il tennis se ci riuscisse”. Quando gli è stato chiesto se gli piacerebbe allenare il talento di Canberra, McEnroe ha replicato: “Ovviamente sarei tentato.

Se funzionasse, sarebbe incredibile. Probabilmente ci prenderemmo per il collo entro pochi minuti, ma sarebbe senz’altro una tentazione. Ovviamente potrebbe essere qualcun altro. Non sono l’unico capace di fare un simile lavoro.

Ma sembra che lui non sia pronto ad avere un coach, e prima di tutto dovrebbe essere lui pronto a volerlo”.

Photo Credit: Getty Images