Annacone: "È incredibile la capacità di Roger Federer di digerire le sconfitte"



by   |  LETTURE 2232

Annacone: "È incredibile la capacità di Roger Federer di digerire le sconfitte"

Una delle qualità meno vistose di Roger Federer è sempre stata la sua capacità di affrontare vittorie e sconfitte nello stesso modo. Il fenomeno svizzero può vantare oltre 1.500 partite al suo attivo, impreziosite dai 20 titoli del Grande Slam e dal record di permanenza in vetta al ranking ATP.

Il 38enne di Basilea ha dovuto fare i conti anche con alcune sconfitte davvero dolorose, come l’atroce beffa nella finale di Wimbledon 2019. L’elvetico ha sciupato due match point sul suo servizio che – se sfruttati – gli avrebbero consegnato il nono trofeo ai Championships.

“Sento di aver avuto un’occasione incredibile, non ci posso credere” – dichiarò Federer a caldo.

Federer e la sua capacità di digerire le sconfitte

Nel corso di un’intervista su Tennis Channel, l’ex coach di Roger Paul Annacone ha elogiato la mentalità del campione rossocrociato e il modo in cui gestisce le sue emozioni.

“È così bravo ad affrontare le vittorie come le sconfitte. Ricordo che nel 2011 eravamo a Wimbledon e aveva appena perso contro Tsonga dopo aver condotto per due set a zero. Quando siamo tornati a casa, ha posato tutta la sua roba e si è messo a giocare per terra con le sue figlie.

Sembrava così felice nonostante la delusione appena subita. Siamo andati a fare una passeggiata più tardi perché volevo parlargli del match e gli chiesi: ‘Come fai a gestire le emozioni in questo modo?’ Lui mi ha risposto: ‘Ho vinto un sacco di titoli, ho perso molte partite e ne ho vinte altrettante, sono felice così’.

Ripenso anche alla finale contro Novak Djokovic dell’anno scorso a Wimbledon. È stata una sconfitta così dolorosa” – ha spiegato Annacone. Anche Severin Luthi ha espresso il suo parere: “A volte vinci partite che non meriteresti e ne perdi altre in cui avresti dovuto vincere. Non devi essere troppo negativo con te stesso, potresti sempre avere una seconda chance”.