Schwartzman svela cosa "ruberebbe" a Federer per giocare a tennis



by   |  LETTURE 1625

Schwartzman svela cosa "ruberebbe" a Federer per giocare a tennis

Con il mondo del tennis fermo a causa della Pandemia tanti tennisti si fermano e trattano attraverso i social o interviste online di temi attuali o che riguardano il passato. Il tennista argentino Diego Schwartzman è intervenuto al podcast di Alex Corretja e Javier Frana ed ha parlato così: "Sono sempre stato una persona che, rispetto al mio staff, non chiede per forza una relazione professionale ma sono aperto a relazioni più aperte ed a fare battute.

Una volta iniziato l'allenamento prendo la palla ed inizio ad allenarmi, non si scherza più. Ho assunto Juan Ignacio Chela per migliorare come tennista e sapevo che saremmo andati molto d'accordo" Il fondo di solidarietà ai giocatori? "Conosco tutta la situazione, è un problema davvero molto delicato.

Il tennis è organizzato in maniera molto scadente e non penso sia giusto che il tennis sia utile realmente solo a pochi tennisti a livello economico. Sul fondo di solidarietà devo dire che ci sono anche tennisti numero 200 al mondo che hanno un buon contesto economico, magari per motivi familiari e aiutare loro e non magari miei amici o familiari mi costa parecchio.

Penso che sia l'Atp che alcuni tennisti abbiano preso una decisione troppo velocemente e senza ragionarci"

Sulla partita che vorrebbe rigiocare e su Federer...

Qual è il giocatore dal quale prenderei spunti? "Vorrei avere il servizio di Roger Federer.

Lui grazie a quello gestisce sempre lo scambio e spesso lo fa anche con la seconda palla. Il suo servizio è perfetto, non è il più forte, ma grazie alla velocità di palla riesce ad avere il controllo del gioco.

Inoltre gestisce il gioco anche con la seconda di servizio" Una partita che vorrei rigiocare? "Beh, la sfida al Roland Garros 2018 contro Rafael Nadal. Ero avanti di un set ed ero in vantaggio anche nel secondo set quando tutto fu fermato a causa della pioggia.

Dopo la pausa Rafa dominò, ma prima io stavo giocando molto bene e a volte mi chiedo se potevo mantenere quel ritmo per tutta la gara"