Toni Nadal: "Se non fossi lo zio di Rafael, vorrei che Federer vincesse sempre"


by   |  LETTURE 2607
Toni Nadal: "Se non fossi lo zio di Rafael, vorrei che Federer vincesse sempre"

«Federer è un giocatore meraviglioso. E ogni volta che ne ho la possibilità adoro guardarlo. Se non fossi lo zio o il coach di Rafael, probabilmente vorrei che vincesse tutte le partite. Davvero, è un giocatore tanto elegante quanto efficace.

La verità è che credo sia il migliore di tutti i tempi. Forse Rod Laver o Rafael sono vicini, ma al momento è senza dubbio lui il migliore di tutti». La firma? Quella dello zio più celebre del tennis.

Toni Nadal (ovviamente uno dei protagonisti del "Players Cut" dedicato da Eurosport al diciannove volte campione Slam spagnolo) ha compreso nel pacchetto anche Djokovic. «Credo che per noi sia molto più difficile affrontare uno come Novak.

Quando giochiamo contro Roger di solito abbiamo un piano per batterlo. Nella mia testa, prima di ogni match, so perfettamente cosa dobbiamo fare e cosa non dobbiamo fare per puntare alla vittoria. Quando invece giochiamo contro Novak molte volte non sappiamo come comportarci o quale piano tattico adottare.

Preferisco affrontare Roger nonostante tutto». Qualora qualcuno non lo sapesse (o non lo ricordasse) nel saldo degli head-to-head Djokovic comanda con un solido 29-26. Federer ha invece vinto "solo" 16 dei 40 confronti con il maiorchino. Curiosamente 6 degli ultimi 7. Photo Credit: Getty Images