“Sono lontano dal vincere un qualsiasi torneo Slam”: Roger Federer nel 2003


by   |  LETTURE 1243
“Sono lontano dal vincere un qualsiasi torneo Slam”: Roger Federer nel 2003

Nel maggio 2003, un ventunenne Roger Federer si presentava agli Internazionali d’Italia da quarta testa di serie, dopo aver vinto pochi giorni prima il titolo di Monaco. Vincitore su Paul-Henri Mathieu, Mariano Zabaleta, Tommy Robredo, Filippo Volandri e Juan Carlos Ferrero, l’elvetico raggiunse così la finale, dove ad attenderlo ecco un altro spagnolo: il catalano Félix Mantilla.

Fu l’iberico a prevalere, col punteggio di 7-5 6-2 7-6, facendo sfumare la prima opportunità per Roger di trionfare nella capitale italiana. Interrogato sugli imminenti Roland Garros e Wimbledon, Federer dichiarò: “Possiamo giocare solo un paio di eventi sull’erba durante la stagione.

In ogni caso, per me è una superficie migliore rispetto alla terra perché i rivali sono un po’ meno pericolosi se confrontati con quelli della superficie più lenta. Sulla terra, ci sono molti giocatori davvero difficili da sconfiggere al Roland Garros, in sette partite e due settimane.

Credo che per me sia più complicato vincere al Roland Garros che a Wimbledon. Comunque, sono lontano dal trionfare in un qualsiasi titolo Slam e se mi chiedete quale preferirei conquistare, vi direi uno qualsiasi. Il mio gioco è più adatto per superfici rapide e questo vi può dare un’idea; le mie chances sono maggiori a Wimbledon”. Pochi mesi dopo, King Roger sollevò il primo dei suoi otto trofei di Church Road.