Jannik Sinner si unisce a Roger Federer nella grande famiglia Rolex


by   |  LETTURE 10408
Jannik Sinner si unisce a Roger Federer nella grande famiglia Rolex

Negli ultimi mesi e nell’ultimo anno in particolare, molto si è parlato di Jannik Sinner. Nato il 16 agosto 2001 a San Candido, in Trentino-Alto Adige, Sinner ha conquistato il suo primo titolo Challenger e ITF circa un anno fa, quando ancora si aggirava attorno alla 300° posizione mondiale.

Approdato rapidamente sul circuito maggiore, Jannik ha raggiunto le semifinali del torneo ATP 250 di Anversa lo scorso ottobre, sconfiggendo nel suo percorso anche Gael Monfils. A Milano, usufruendo di una preziosa wild card, ha subito sollevato il trofeo delle ATP Next Gen Finals, per poi chiudere l’anno col terzo sigillo in un torneo Challenger, a Ortisei.

Oggi è piazzato al 75° posto del ranking, dopo essere stato anche 68° poco più di una settimana fa. I margini di miglioramento, inutile dirlo, sono tantissimi. Qualche ora fa, Sinner ha annunciato tramite il proprio profilo Instagram di essersi unito al marchio Rolex in veste di ambasciatore internazionale, proprio come Roger Federer, entrato nel gruppo ormai diversi anni fa.

In effetti, si tratta di una compagnia piuttosto illustre quella in cui si è andato ad inserire adesso il nostro numero quattro italiano, composta anche da personaggi come Jo-Wilfred Tsonga, Maria Sharapova, Ana Ivanovic, Grigor Dimitrov e Juan Martin del Potro, oltre allo stesso Federer.

Tuttavia, mentre in questi casi si tratta di giocatori e giocatrici già affermati sul circuito, in quello di Sinner abbiamo a che fare con una futura stella del tennis mondiale, ma non certo ancora un campione. Ciò testimonia la grande fiducia riposta in lui da Rolex, che ha deciso di scommettere su un diciottenne assai promettente che ha raggiunto al massimo solo il secondo turno in un torneo del Grand Slam (per ora…).