Roger Federer: "Match for Africa è stato un momento unico della mia vita"


by   |  LETTURE 3262
Roger Federer: "Match for Africa è stato un momento unico della mia vita"

Probabilmente neanche Roger Federer si aspettava un successo così grande per l’evento di beneficenza “Match for Africa” andato in scena la scorsa settimana con protagonisti lo stesso Federer insieme a Rafael Nadal, Bill Gates e Trevor Noha.

Città del Capo invece ha risposto come meglio non poteva alla manifestazione che aveva come scopo la raccolta di fondi per i bambini africani attraverso la Roger Federer Foundation. La folla che ha assistito ai match di singolo e doppio che protagonisti dell’evento hanno giocato, ha fatto registrare un nuovo record di spettatori pari a 51.954 battendo il primato stabilito nel novembre scorso in Messico, quando 42.517 persone avevano assistito ad un incontro tra l’elvetico e il tedesco Alexander Zverev.

Il campione svizzero ha voluto ringraziare tutti con un messaggio: “Che notte indimenticabile: abbiamo raccolto 3,5 milioni di dollari per i bambini vulnerabili della regione, raggiunto un record mondiale con oltre 51.000 spettatori durante una partita di tennis e ci siamo divertiti tantissimo.

Match for Africa sei è stato un momento unico della mia vita. Grazie ai tre ispiratori filantropi Rafa, Bill e Trevor per aver condiviso questo momento cosi bello. Grazie alle centinaia di persone che hanno organizzato questo incontro per l'Africa e creato un evento di alta classe.

Ma soprattutto, grazie Sudafrica, grazie a Cape Town per la tua grande partecipazione e per aver fatto la differenza per i più bisognosi" Grande orgoglio per la riuscita dell’evento anche fra i familiari di Federer.

Sua madre infatti, Lynette Durand è sudafricana e ci teneva particolarmente alla buona riuscita della manifestazione. Forse però neanche lei si aspettava una partecipazione così massiccia. Fra balli, musiche, colori, colpi da maestro, ironia e sorrisi, per l’ennesima volta Roger Federer ha dimostrato di non essere solo un vincente in campo ma di avere la capacità di sensibilizzare e stimolare la gente in ogni parte del mondo su tematiche e problemi che troppo spesso vengono dimenticati.