Roger Federer: “Ecco cosa mi spinge a continuare a competere a 38 anni”


by   |  LETTURE 5015
Roger Federer: “Ecco cosa mi spinge a continuare a competere a 38 anni”

Il primo anno che ha visto scendere in campo Roger Federer sul circuito maggiore ATP è stato il lontano 1998, quasi ventidue anni fa. Da allora, lo svizzero ha collezionato più di 1200 partite vinte, 103 titoli in singolare tra cui 20 del Grand Slam ed ha mantenuto la prima posizione mondiale per 310 settimane.

Oggi, trentottenne, Federer non può ancora essere depennato dalla lista dei principali favoriti nei tornei dello Slam, dimostrando una longevità fuori dal comune. Ma cosa spinge Roger, oggi anche padre di quattro bambini, a frequentare ancora il circuito ATP? Qualche giorno fa, in occasione di un incontro organizzato da ‘Moet & Chandon’ in vista della sfida con Rafael Nadal in Sud Africa, lo svizzero ha dichiarato: “Per me, Moet & Chandon è il simbolo del festeggiamento.

Me lo godo sempre quando sono con i miei amici, col mio team e con la mia famiglia. Non importa se vinco o perdo – è bello festeggiare con tutti quando si sta assieme. Per me, lo Champagne è connesso con la celebrazione.

Ci sono molti alti e bassi, ma festeggiare i momenti di successo con il proprio team è il motivo per cui continuo a giocare”. Federer, 39 anni il prossimo 8 agosto, ha raggiunto quest’anno le semifinali degli Australian Open, sconfitto in tre set da Novak Djokovic.