Roger Federer: "Contento della performance, le palline sono strane"



by   |  LETTURE 14595

Roger Federer: "Contento della performance, le palline sono strane"

Da Melbourne - Il 22° Australian Open disputato da Roger Federer è iniziato con una rapida e convincente vittoria su Steve Johnson. Nonostante fosse il suo debutto assoluto nel 2020, il fenomeno svizzero ha dominato in lungo e in largo palesando un livello di forma superiore alle aspettative della vigilia.

Da quando si è aggiudicato il suo primo Slam nel lontano 2003, l’elvetico non è mai stato sconfitto al primo round di un Major. “Ad essere sincero, ci sono state alcune volte in cui ero vicino ad uscire.

Il fatto di avere 32 teste di serie mi ha sicuramente aiutato rispetto all’inizio, quando ce n’erano soltanto 16. Nei Masters 1000 è diverso, perché puoi trovare un Top 20 anche nei primissimi turni.

Sono molto soddisfatto della mia performance odierna, mi ero allenato bene e sono riuscito a tradurlo in partita. Ho lavorato duro nella off-season e sono andato in vacanza, quindi ora mi sento pronto” – ha raccontato Federer in conferenza stampa.

Il 38enne di Basilea ha ribadito di non avere grandissime aspettative per questo torneo: “Non ho giocato per niente nelle ultime settimane, mentre il 95% dei giocatori che sono qui hanno già disputato numerosi incontri.

Per me saranno fondamentali i primi tre round per abituarmi alla pressione e a rimanere calmo nelle situazioni di stress. Oggi ho giocato in maniera scolta, senza troppe complicazioni, ma al prossimo round potrebbe non essere così.

La mia mente è concentrata partita dopo partita”. L’ex numero 1 del mondo ha parlato anche delle palline: “Sono molto veloci quando sono nuove, poi si gonfiano rapidamente e si rallentano, soprattutto di notte o in condizioni indoor.

Forse dipende anche dallo stile di gioco che si ha”. Federer tornerà in campo nella giornata di mercoledì contro il vincente del match tra Filip Krajinovic e il qualificato francese Quentin Halys.