Federer ricorda: "Una volta rischiai di essere investito da un camion"


by   |  LETTURE 2644
Federer ricorda: "Una volta rischiai di essere investito da un camion"

Roger Federer viene considerato da molti come un campione sia sul campo che fuori, un giocatore con grande disciplina, ma in realtà non è stato sempre così. Nel corso della sua carriera si è parlato spesso di dettagli su comportamenti particolari nel corso della sua carriera, comportamenti che avrebbero potuto completamente cambiare il suo modo di fare.

Ai microfoni del quotidiano "Tribune di Geneve" il tennista svizzero ha svelato diversi retroscena: "Guardando al passato, spesso non ero molto attento e rigoroso a quello che facevo. Dai 16 ai 22 anni ho fatto diverse cose che avrebbero potuto infortunarmi e di conseguenza potevano compromettere la mia carriera.

Quindi sono stato fortunato. Ad esempio: nel 2000, dopo gli Australian Open, sono andato a sciare come un matto con Marc Rosset, presi un dosso e feci un volo incredibile. Lo stesso Marc all'inizio rise, ma in realtà era molto preoccupato.

Devo dire che dopo quell'incidente sono stato molto più prudente ed ho imparato la lezione con esperienza" Infine un altro aneddoto: "Sono caduto diverse volte dalla bicicletta, una volta a Basilea addirittura pensai che un camion mi avrebbe investito. Ripensando a tutti questi momenti, capisco come tutto sarebbe potuto andare in un modo differente..."