Federer è il tennista che ha viaggiato di più nel 2019, Berrettini quarto


by   |  LETTURE 6997
Federer è il tennista che ha viaggiato di più nel 2019, Berrettini quarto

È una cosa risaputa che la vita del tennista è un continuo viaggio tra frenetici voli e trasferimenti che sono aumentati molto nel corso degli anni e che continuano a influenzare in maniera evidente le prestazioni fisiche e mentali dei giocatori.

A volte i risultati dei giocatori appaiono banali, ma dietro ci sono schemi precisi e il pubblico ignora che dietro al gioco sul campo c'è tanto lavoro e tanta usura anche per quello che avviene fuori dal campo.

Il portale "Webapuestas" ha analizzato il numero di chilometri percorsi da ciascun tennista durante i suoi viaggi prendendo in considerazione sopratutto i tennisti più importanti. In vetta a questa classifica c'è il tennista svizzero Roger Federer che ha percorso l'incredibile cifra di 134.263 chilometri, l'equivalente di 3,3 giri del tour mondiale.

L'esperto trentotenne campione, ha provato in questi mesi a risparmiare sforzi riducendo il calendario tennistico, ma è stato occupato dal recente Tour in Sudamerica, da diversi viaggi per promuovere la Laver Cup ed è stato protagonista di una visita in Giappone motivata dal suo contratto Uniqlo, oltre ovviamente ai suoi impegni nel calendario Atp.

Federer ha viaggiato molto di più rispetto al secondo in questa classifica, il suo compagno nella tournée americana Alexander Zverev, che, ha percorso invece 117.630 chilometri. Sul podio c'è anche il greco Tsitsipas che assieme a Berrettini e allo spagnolo Bautista hanno superato i 100 mila chilometri di viaggi stagionali.

A sorprendere in questa classifica è sicuramente il decimo posto di Rafael Nadal. Il numero 1 al mondo ha percorso solo 74.521 chilometri ed è riuscito ad avere un gran equilibrio tra l'essere competitivo ed il riuscire ad allenarsi nella sua Spagna.

Lo spagnolo, quando è fermo, predilige infatti vivere nei luoghi dove è nato. Fa impressione questa statistica vedendo la differenza rispetto a chi lo precede al nono posto (Thiem con 89.462 km ) e all'ottavo (Djokovic con 94.073 km).

I motivi che spiegano questa cifra sono comunque lo stop ai tornei prima di Wimbledon ed alla mancata presenza nei tornei asiatici.