Carlo Verdone: "Roger Federer gentilissimo, mentre Kevin Strooman..."



by   |  LETTURE 18932

Carlo Verdone: "Roger Federer gentilissimo, mentre Kevin Strooman..."

Noto attore romano Carlo Verdone è da sempre un gran tifoso del club giallorosso ed anche un appassionato di Roger Federer. L'attore ha cosi parlato riguardo il tennista svizzero: "Federer rappresenta lo sport!

L'ho conosciuto all'Olimpico. Mio figlio parla tedesco, l'ha avvicinato e fu gentilissimo. Non è facile trovare personaggi sportivi cosi disponibili" L'attore, nato a Roma nel 1950, è stato protagonista di film come "Gallo Cedrone", "Sono pazzo di Iris Blond" e "Acqua e Sapone"

Ha una grande passione per la Roma ed a Tuttosport ha parlato cosi della sua squadra e di altri temi: Idoli? "Essendo io della Roma era Manfredini, il centravanti, detto Piedone. Andavo allo stadio e si sperava sempre in un suo gol.

Però a me piacevano tanto anche Mazzola, Rivera e Altafini. Come romanista ricordo pure Panetti, Cudicini, Manfredini e Menichelli. Poi c’è stata la bella Roma, quella di Pruzzo, Bruno Conti e Falcao del grandissimo presidente Viola.

Poi oggi è chiaro che, essendo io amico di Totti, tutte le emozioni che mi ha regalato in campo non si contano. L’ho sentito qualche giorno fa. Se manca Totti alla squadra? Te ne accorgi anche dagli spalti, sono un po’ vuoti.

Non so se Totti avrebbe aumentato gli spettatori. Certamente le squadre venute dopo non sono state competitive. E per noi romanisti la vendita di certi giocatori forti è stata disastrosa. Poi noi tifosi abbiano capito che Pallotta aveva in mente più che altro l’obiettivo di fare lo stadio.

Per me la perdita di Salah è stata una cosa terribile. C’è una foto in cui io l’abbraccio in campo. Gli stavo dicendo “Oh, tu non te ne vai via da qua”. E lui m’ha fatto una faccia...

Poi pure Szczesny abbiamo venduto, anche lui fortissimo. Quindi Alisson. Tutti quelli che abbiamo dato via hanno vinto Champions, scudetti e quant’altro. Insomma, abbiamo capito che la Roma non ha il budget della Juventus"