Roger Federer: "Bill Gates è un uomo che mi ha affascinato"


by   |  LETTURE 4424
Roger Federer: "Bill Gates è un uomo che mi ha affascinato"

Nel corso di un’intervista concessa al programma radiofonico colombiano W, Roger Federer ha del bel rapporto di amicizia che lo lega ad Alexander Zverev, con il quale giocherà una serie di match esibizione questo mese in Sud America.

“Vado molto d'accordo con lui, è già una superstar del tennis e una persona davvero speciale” ha detto l’elvetico. “Sono convinto che diventerà un grande campione”. Alla domanda su quale figura lo abbia segnato più di tutte le altre, Roger ha fornito una risposta interessante.

“Ho avuto la fortuna di incontrare persone provenienti da tanti settori diversi: sportivi, artisti, filantropi, uomini d'affari, politici... Tutti hanno apportato qualcosa di interessante nella mia vita e hanno avuto la capacità di ispirarmi.

Bill Gates è un uomo che mi ha affascinato e di cui apprezzo molto il contributo alla mia Fondazione. Poi avrei tanto voluto incontrare Nelson Mandela. Mia madre, che è di origini sudafricane, da bambino mi raccontava sempre di lui e mi sarebbe piaciuto conoscerlo”.

Federer ha parlato anche dei suoi due storici rivali, Rafael Nadal e Novak Djokovic. “È incredibile essere rimasti tanto a lungo nell’élite del tennis, penso che ci siamo motivati e siamo diventati più forte grazie alla presenza degli altri due” ha detto Roger.

“Co passare del tempo mi rendo sempre più conto di come mi abbiano costretto ad adattare il mio gioco e a migliorarlo, e posso apprezzare il lavoro che loro stessi hanno svolto e la qualità del loro tennis.

L'evoluzione di Nadal nel corso della sua carriera è stata incredibile, il suo gioco attuale non ha nulla a che vedere con il suo stile originario. E Novak è molto più solido e sicuro di anni fa”.

Photo Credit: Getty Images