Federer: "Non vedo l'ora di fare il mio esordio, ho fiducia in me stesso"


by   |  LETTURE 4771
Federer: "Non vedo l'ora di fare il mio esordio, ho fiducia in me stesso"

Roger Federer affronterà Peter Gojowczyk al primo turno del torneo ATP 500 di Basilea. In conferenza stampa, il venti volte campione Slam ha parlato delle condizioni di gioco dell’evento tennistico della sua città natale.

“Le aspettative sono qualcosa di molto delicato” , ha spiegato Federer. “Nelle partite indoor tutto può accadere e cambiare molto velocemente. Ma allo stesso tempo ho molta fiducia in me stesso. Recentemente, mi è stato chiesto delle difficoltà dei match al chiuso e delle differenze rispetto agli altri eventi.

Per me è tutto molto naturale. È una superficie che non permette a fattori come la luce di disturbarti. Altri giocatori hanno delle sensazioni negative e non riescono a raggiungere il ritmo desiderato. Per me non c’è nessun problema.

A Basilea il pubblico mi aiuta molto, mi sostiene sempre e questo può innervosire gli avversari. So come gestire la situazione, quindi arrivo sempre con grande sicurezza al torneo. Non vedo l’ora di fare il mio esordio”.

Federer ha annunciato qualche giorno fa che parteciperà sia al Roland Garros che alle Olimpiadi di Tokyo nel 2020. “Volevo testare l’impatto della stagione sulla terra sulle mie prestazioni sull’erba prima di decidere il mio programma.

Era un grande punto interrogativo. A Wimbledon mi sono reso conto che la stagione sulla terra non mi ha influenzato negativamente. Il mio corpo ha reagito bene ed ho raggiunto la finale. Però mi sono chiesto a quali tornei avrei dovuto partecipare? Solo al Roland Garros o anche ad altri eventi? Poi ci sono anche le Olimpiadi.

Dopo Wimbledon è iniziata una discussione continua con il mio team. Abbiamo deciso di giocare il Roland Garros durante gli US Open, le Olimpiadi durante il Masters 1000 di Shanghai. Dopo Basilea ci saranno altre riunioni con il team per pianificare nei dettagli il calendario del prossimo anno.

La nuova generazione è diventata la principale minaccia? Direi di sì. Anche Dominic Thiem avrà la possibilità di vincere tornei del Grande Slam. I giovani diventato sempre più forti , questo si è visto con Daniil Medvedev agli US Open: la sua prestazione in finale contro Rafael Nadal ha segnato la strada da seguire.

Se i giovani inizieranno a vincere, potrebbero nascere nuove rivalità. Quando noi tre( Federer, Djokovic, Nadal NdR) non faremo più parte del circuito tutto sarà diverso. Ma le rivalità del futuro saranno sicuramente valide”.