Roger Federer: "Zverev devastante al servizio. L'arbitro? Non ne parlo"


by   |  LETTURE 20903
Roger Federer: "Zverev devastante al servizio. L'arbitro? Non ne parlo"

Non è bastato l'orgoglio a Roger Federer nel quarto di finale a Shanghai contro Alexander Zverev. Cinque i match point annullati dallo svizzero, che alla fine si è dovuto arrendere per 6-3 al set decisivo.

"La fine del secondo set è stata pazzesca" - ha ammesso il 38enne di Basilea -. Eravamo 6-5 40-0 sul suo servizio. Ero quasi a casa, ma mi sono difeso bene, ho attaccato bene, ho giocato dei grandi colpi e poi il tie-break è stato duro dall'inizio alla fine.

Ho salvato anche lì forse dei match point. La sua prestazione alla battuta è stata impressionante. Nel secondo set ha avuto più opportunità di me, alla fine ha meritato di vincere al terzo. Io penso di aver fatto tutto giusto.

E' difficile quando l'altro serve a 220 chilometri orari e ti ritrovi sempre sotto 30-0 in risposta. Ci ho provato. Speravo di poter rispondere a più seconde palle e di comandare più lo scambio. Non c'è stato ritmo e su questo campo veloce non c'è molto tempo per pensare.

Mi ha penalizzato. E poi lui ha un rovescio d'oro. Ha mostrato un grande carattere" Risposta fredda quando gli chiedono di commentare la discussione con l'arbitro dopo aver ricevuto punto di penalità: "Sì così poi lo scrivi su Twitter?", ha chiesto al giornalista.

"No, sarebbe meglio scrivere qualcosa di bello anche sulla partita. Prossima domanda" Saranno due semifinali con quattro giocatori under 23 in campo: Medvedev, Tsitsipas, Berrettini e Zverev. "Stanno bussando prepotentemente alla porta.

Chissà chi vincerà alla fine il torneo. Poi il campo è veloce quindi si vedono scambi diversi. Devono andare a rete più spesso. Sicuramente è stato sorprendente vedere Novak perdere anche se Tsitsipas ha giocato benissimo finora.

Forse anch'io ero il favorito prima di questa partita ma Sascha ha giocato in maniera perfetta come aveva fatto l'anno scorso a Londra"