Mats Wilander: “Federer giocherà altri due anni perché stimolato da Nadal”


by   |  LETTURE 5537
Mats Wilander: “Federer giocherà altri due anni perché stimolato da Nadal”

Ai microfoni di Eurosport l’ex numero uno del mondo e adesso commentatore sportivo Mats Wilander ha spiegato l’importanza simbolica per la NextGen della sconfitta in cinque set nella finale degli Us Open di Daniil Medvedev contro Rafael Nadal: “Porterà in una direzione diversa.

E’ importante per il mondo del tennis, per i giocatori della sua stessa età o più giovani. Nadal oggi è forte come non lo è mai stato e Medvedev ha perso in cinque set, quindi quelli come lui potrebbero dire ‘Ho una possibilità contro Federer, Nadal e Djokovic’”.

In merito alla chance di Nadal di superare il record Slam di Federer, ormai ridotto ad una sola distanza, Wilander non si è detto certo se il maiorchino riuscirà davvero a realizzarlo: “Non sono sicuro, ma sono entusiasta dei prossimi due o tre anni.

Federer cercherà di fermare Nadal, questo incoraggerà lo svizzero a giocare per almeno altri due anni”. Wilander ha poi eletto il proprio match preferito dell’appena conclusa edizione degli Us Open:“La mia partita preferita è stata quella tra Berrettini e Monfils.

Veramente fantastica. Loro sono due ragazzi brillanti che hanno giocato con tanta passione, hanno giocato un tennis eccellente per tutto il match. Davvero emozionante. Berretini, Medvedev, loro sono il futuro, ragazzi grandi e forti, per niente spaventati di affrontare i momenti più delicati e contro i top players.

Il modo con cui Medvedev ha gestito la folla è stato geniale. Puoi essere d’accordo oppure no, fatto sta che ha ottenuto il rispetto del pubblico”. Alex Corretja ha invece messo in evidenza la determinazione con cui Rafa ha voluto a tutti i costi conquistare questo titolo: “Nadal voleva sollevare questo trofeo, non importava se doveva combattere o solamente giocare bene.

Ha giocato bene, ma non direi in modo eccezionale […] Sapeva dal principio del torneo quanto sarebbe stato speciale dopo le sconfitte di Federer e Djokovic e di tutti i Top 10”.