Matteo Berrettini: "Ho ringraziato Roger Federer per la lezione di tennis"


by   |  LETTURE 32445
Matteo Berrettini: "Ho ringraziato Roger Federer per la lezione di tennis"

Matteo Berrettini non aveva mai provato l’emozione di giocare contro Roger Federer in carriera. Se a questo significativo dato si aggiunge come sfondo il Campo Centrale del torneo più prestigioso del mondo, non è difficile leggere il complicato match dell’italiano sia dal punto di vista emotivo che tecnico.

Nonostante la netta sconfitta, Berrettini è uscito dal campo sorridendo, mostrando lo spirito del grande campione. “Ho il sorriso perché sono contento di quello che sto facendo” , ha spiegato il tennista romano in conferenza stampa.

“Aver giocato contro Federer sul Campo Centrale nel quarto turno di Wimbledon è stato un sogno che si è realizzato. Sto facendo il mio percorso, sto migliorando giorno dopo giorno, ho disputato una buona stagione sull’erba.

Ovviamente questa sconfitta mi brucia, ma oggi ho giocato contro il tennis. Devi giocare tante volte contro di lui per abituarti al suo gioco. Questa è la sua superficie preferita, il suo campo prediletto. Io sono stato poco pronto, mi fa piacere che lui mi rispetti e che mi abbia studiato per battermi.

Siamo tutti qui anche un po’ per lui, per tutto quello che ha dato al tennis e per le emozioni che ha regalato a questo sport”. Soffermandosi sulla partita, Berrettini ha spiegato: “È stata una sveglia che penso mi farà crescere.

Mi dispiace perché ho giocato male, non ho avuto neppure una mezza occasione per entrare in partita. Sono stato travolto dalle emozioni, come era forse inevitabile. Ma mi consola la consapevolezza del percorso che sto facendo.

Federer a fine partita mi ha fatto i complimenti per i tornei giocati sull'erba. Io invece gli ho chiesto quanto gli dovevo pagare per la lezione di tennis”. Berrettini ha infine parlato dei suoi obiettivi per la seconda parte di stagione.

“Giocherò un paio di tornei sulla terra prima della trasferta americana. Sarà la prima volta che giocherò a Montreal e Cincinnati, spero di essere al massimo per gli US Open. Ho tanto fiducia nonostante la sconfitta di oggi.

Vado in America con una consapevolezza diversa, ma so che dovrò lavorare ancora duramente”.