Djokovic: "Io, Federer e Nadal giochiamo solo per essere i migliori"


by   |  LETTURE 8643
Djokovic: "Io, Federer e Nadal giochiamo solo per essere i migliori"

Il torneo di Wimbledon sta dimostrando ancora una volta che i giocatori da battere sono i soliti tre campioni: Novak Djokovic, Roger Federer e Rafael Nadal. I Big Three hanno lasciato le briciole ai propri avversari in questi primi quattro turni e sono pronti per l’importante fase finale dello Slam londinese.

In conferenza stampa, Djokovic ha parlato proprio dell’incredibile continuità dei Big Three. “Penso che tutti e tre stiamo lavorando duramente per mantenere il nostro livello di gioco e per continuare a vincere i tornei più importanti” , ha dichiarato il serbo.

“L’esperienza guadagnata negli anni ci conferisce grande fiducia. Tutto ciò che abbiamo raggiunto nelle nostre carriere ci aiuta tanto in campo, per questo la maggior parte dei giocatori sente grande pressione contro di noi.

Siamo abituati ad affrontare match duri ed importanti, e questo è uno dei motivi per cui ci sentiamo a nostro agio quando si alza il livello. Ore di allenamenti, grande preparazione, metodi di recupero e stile di vita: tutti questi aspetti fanno la differenza.

La dedizione al tennis è fondamentale. Credo che ognuno di noi sia diverso, ma sono sicuro che condividiamo il grande amore per il nostro sport. Ci prefissiamo sempre grandi obiettivi, nessuno di noi gioca per divertimento o per essere un giocatore come gli altri.

Giochiamo per essere i migliori al mondo e per vincere. Penso che la competitività tra di noi sia aumentata nel corso degli anni, e che proprio la nostra rivalità ci abbia spinti ad aumentare sempre il nostro livello.

È fantastico fare parte di questo terzetto, sono molto orgoglioso di questo. Per me è un onore ed un immenso piacere condividere il campo con queste due grandi leggende. L’ho detto un milione di volte: sono il giocatore che sono oggi grazie a Federer e Nadal.

La nostra rivalità porta un messaggio positivo e prezioso a tutto il nostro sport. Il fatto che stiamo ancora giocando, che stiamo ancora facendo la storia, è meraviglioso”.