Matteo Berrettini: "Contro Federer scenderò in campo per vincere".


by   |  LETTURE 9886
Matteo Berrettini: "Contro Federer scenderò in campo per vincere".

E’ un Matteo Berrettini in estasi, quello che raggiunge la sala stampa dopo aver timbrato il biglietto per la seconda settimana a Wimbledon. Dopo l’epico match vinto contro l’argentino Schwartzman, match vinto con coraggio e bravura.

“Sapevo che avrei sofferto dall’inizio alla fine, ero pronto a lottare è lotta è stata. Non ho iniziato bene e ci sono state tante fasi durante il match in cui sensazioni positive e negative si alternavano.

La mia forza è stata quella di non pensare alle occasioni sprecate e pensare sempre ai punti successivi. E’ la vittoria più bella della mia carriera. L’importante era portare a casa la partita, anche se per lunghi tratti non mi sono piaciuto.

Come emozioni questa partita mi ha dato tanto, anche se in campo non sono riuscito ad esprimermi come avrei voluto”. Matteo spiega come ne è uscito fuori, da un incontro che sembrava volgere verso la sconfitta:"Ho fatto diversi errori, sia con il dritto sia con il rovescio, perché lui mi spostava benissimo da una parte all’altra del campo.

Sono stato bravo a uscire da questo meccanismo" Ora per Matteo Berrettini c’è l’incontro con Roger Federer, che sarà il terzo incontro sul campo centrale, nella giornata di lunedì. Un incontro che vale i quarti di finale.

Un incontro dove Matteo non parte assolutamente battuto. E soprattutto, un sogno che si realizza. Sogno che si realizza anche grazie al fato favorevole, dopo il forfait di Coric alla vigilia del torneo che ha spostato l’italiano proprio dalla parte di tabellone di Roger.

“Da bambino sognavo di giocare a Wimbledon contro Federer. Me la voglio godere al massimo, ora ho la grande chanche. E andrò il campo per vincere e per continuare a sognare”. Parole di chi sta trovando sicurezza e certezza nei propri enormi mezzi.

Con gli ottavi di finale, Matteo Berrettini mette un'ipoteca sulla permanenza nei primi venti al mondo. Ed è unanime la sensazione che la classifica possa ancora migliorare.