Stakhovsky: "Non voglio essere ricordato per la vittoria contro Federer"


by   |  LETTURE 6328
Stakhovsky: "Non voglio essere ricordato per la vittoria contro Federer"

In un’intervista a NZZ, Sergiy Stakhovsky ha ricordato l’incredibile match vinto contro Roger Federer a Wimbledon nel 2013. Il tennista ucraino ha ammesso di non aver saputo gestire nel migliore dei modi la clamorosa vittoria e i numerosi elogi ricevuti.

“Ho rilasciato troppe interviste e dichiarazioni alla stampa e nella partita successiva sono arrivato scarico dal punto di vista emotivo” , ha dichiarato Stakhovsky, che nel corso della sua carriera ha vinto quattro titoli in singolare e tre in doppio.

“Preferirei essere riconosciuto per quanto fatto in carriera e non per la vittoria su Federer. Ricordo ancora quel giorno: prima della partita Roger camminava dietro di me negli spogliatoi del Campo Centrale. La folla, circa 15mila persone, accolse Federer con un calore incredibile, non lo dimenticherò mai.

Sapevo come affrontare il match, mi ero allenato con lui diverse volte e conoscevo il suo gioco sull’erba”. Nel frattempo, Denis Shapovalov ha elogiato il talento del venti volte campione Slam. “Federer è il miglior giocatore che abbia mai affrontato.

Quando ho giocato contro di lui a Miami è stato pazzesco: rispondeva ad ogni mio colpo, ed anche quando giocavo bene trovava sempre il modo di cambiare la situazione e vincere il punto.