Federer: "Tempi duri per i giovani finchè io, Nadal, Djokovic giochiamo"


by   |  LETTURE 10148
Federer: "Tempi duri per i giovani finchè io, Nadal, Djokovic giochiamo"

Anno dopo anno ci si interroga quando finirà il dominio dei 'vecchietti' e inizierà quello delle nuove leve. La stagione su erba ha evidenziato come il gap da colmare sia ancora importante: la scorsa settimana ad Halle e al Queen's hanno vinto due 37enni, Roger Federer e Feliciano Lopez.

Per lo svizzero, tutto dipenderà quando i 'Big 3' e compagnia si ritireranno. "Finché io, Rafael Nadal e Novak Djokovic giocheremo, mettendoci anche Stan Wawrinka, Marin Cilic e del Potro, tutti sopra i 30 anni, non sarà facile.

Ma alle persone piace la situazione attuale. Ci sarà un momento in cui arriveranno sorprese. Felix Auger-Aliassime, Stefanos Tsitsipas, Denis Shapovalov, Borna Coric, Karen Khachanov, Dominic Thiem hanno dimostrato di poter battere i migliori più e più volte.

Il grande punto di domanda è se possono raggiungere una semifinale o finale Major, perché il giudizio delle persone dipende da questo. Tutto viene basato sugli Slam, ed è sbagliato. All'inizio della mia carriera era diverso.

Ho vinto il mio primo 1000 ad Amburgo e poi sono entrato nei primi 10, il che ha rappresentato un grande successo. Ma i giovani ci sono e stanno migliorando. Noi siamo più vecchi e un po' peggiorati. Ecco perché prima o poi ci sarà un cambiamento.

La domanda è quando succederà, se quest'anno o il prossimo. Ma diventeranno più forti e acquisiranno più esperienza"