Roger Federer: "Triste per l'aumento dei prezzi dei biglietti a Roma"


by   |  LETTURE 8974
Roger Federer: "Triste per l'aumento dei prezzi dei biglietti a Roma"

L'effetto Roger Federer è stato fin da subito evidente al Foro Italico di Roma. Prima di tutto per il costo dei biglietti duplicato per le sessioni di mercoledì quando lo svizzero farà il suo debutto.

Federer ha annunciato la sua presenza a Roma sabato alle 14:00 e da lì i prezzi sono lievitati. "Ne ho sentito parlare e so che alcuni tifosi non sono contenti di questo - ha detto Federer -. È triste. Lo hanno fatto per premiare le persone che hanno acquistato i biglietti in prevendita, il che è una cosa strana.

Spero questo non condizioni la mia felicità che provo nell'essere qui. Sono contento davvero. Ci sarà un bel pubblico, una buona atmosfera. Sono entusiasta di giocare bene e ieri quando sono arrivato a Roma mi sono subito sentito contento.

Amo questa città. Mi sono sempre divertito a giocare in Italia, è probabilmente la Nazione dove ho giocato di più nei tempi delle giovanili. Venivo dalla Svizzera per giocare sulla terra. Hanno un torneo juniores forte qui"

Sulle differenze tra Madrid e Roma e perchè ha scelto di aggiungere il torneo italiano alla programmazione: "Madrid è un posto complicato per giocare. La palla rimbalza altissima. C'è vento, ombre.

Le condizioni sono complicate per tutti i giocatori. So che le persone credono che siccome il campo è veloce, sia meglio. Ma è dura. Giocare più a livello del mare ho pensato fosse meglio per me. In Svizzera abbiamo ovunque l'altura, e questa settimana lì il tempo non è bellissimo.

Ieri quando mi sono svegliato di mattina c'erano cinque gradi. Non è l'ideale. Mi sono allenato 5 settimane a Miami, ho giocato bene a Madrid e mi sono detto di venire a Roma, una città che mi piace. L'entusiasmo è maggiore qui rispetto a una settimana di allenamento in Svizzera (sorride, ndr). In questo momento giocare match è positivo per me"