Becker: "Per Roger Federer sarebbe stato difficile adattarsi al mio ritmo"


by   |  LETTURE 4288
Becker: "Per Roger Federer sarebbe stato difficile adattarsi al mio ritmo"

Chi è il migliore tennista di tutti i tempi? Alla complicata domanda ha provato a rispondere il sei volte campione Slam Boris Becker. “È molto difficile rispondere a questa domanda” , ha detto l’ex giocatore tedesco in una recente intervista.

“È complicato paragonare le diverse generazioni: John McEnroe, Bjorn Borg, Pete Sampras hanno vinto la maggior parte dei tornei del Grande Slam in quell’epoca. Ma faccio fatica ad indicare il migliore di sempre”.

Parlando di una possibile sfida contro Roger Federer, Becker ha aggiunto: “Non penso che a Roger sarebbe piaciuto il mio ritmo. Andavo avanti anche sulla mia seconda di servizio e in questo modo non avrei concesso troppo tempo a Roger per preparare al meglio i suoi colpi.

La sua aggressività non sarebbe stata sempre efficace contro di me”. Becker ha concluso il suo intervento discutendo sui lunghi viaggi che i giocatori compiono per raggiugnere i diversi tornei. “I giocatori sono costretti a molte ore di viaggio ogni anno.

Viaggiare può essere divertente a 18 o 22 anni, ma quando sei più grande ed hai una famiglia è difficile stare lontano da loro tanto tempo. Essere un giocatore di tennis è un lavoro straordinario, ogni ragazzo di talento dovrebbe cercare di diventare professionista, ma ci sono degli aspetti positivi e degli aspetti negativi.

Molti giocatori non ce la fanno: lottano per poi fermarsi all’età di 24-25 anni. Se non sei bravo è meglio studiare, prendere una laurea e cambiare le aspettative”.