Roger Federer: "Nel tennis il talento non basta per essere al top"


by   |  LETTURE 2579
Roger Federer: "Nel tennis il talento non basta per essere al top"

Roger Federer viene spesso elogiato per il suo tennis straordinario, ma lo svizzero ritiene che siano necessarie diverse caratteristiche, e non solo il talento, per riuscire a raggiungere i massimi successi nel tennis. “Il talento non è abbastanza per riuscire ad essere al top, devi anche lavorare duramente e devi sceglierti il team giusto, ovvero l’allenatore e il preparatore adatti” ha infatti spiegato il 20 volte campione Slam.

Anche i genitori sono fondamentali, perciò tante cose devono essere al posto giusto se vuoi raggiungere la vetta. Il talento, ovviamente, è sempre bello averlo”. Dominare il circuito è più difficile oggi che in passato? “Ci sono molti stili diversi adesso” ha risposto Federer.

“Pete Sampras non ha mai vinto il Roland Garros, il che la dice lunga: ha vinto tante volte Wimbledon ma mai a Parigi, perciò devi saperti adattare a tutte le superfici”. A proposito di superfici, non poteva mancare un riferimento all’amata erba.

“Adoro l’erba, l’atmosfera che vi si respira, il gioco, tutto quanto. Mi piace molto anche giocare indoor, vinsi il mio primo titolo lì e la mia carriera è iniziata su campi indoor”. Lo svizzero ha infine rivelato un interessante aneddoto: “Da piccolo giocavo sia a tennis che a calcio.

Verso i dodici, tredici anni, dovetti scegliere cosa fare, perchè non potevo continuarli entrambi. Mi piaceva molto il calcio, ma sapevo che nel tennis vincere o perdere dipendeva soltanto da me, mentre nel calcio non è esattamente così.

In più nel tennis avevo già più successo, ero campione nazionale, perciò non è stata una scelta molto difficile per me”.