Federer: "Sollievo, felicità e soddisfazione quando vinsi il Roland Garros"


by   |  LETTURE 4526
Federer: "Sollievo, felicità e soddisfazione quando vinsi il Roland Garros"

In un’intervista concessa a RTS, Roger Federer ha ricordato il suo storico trionfo al Roland Garros, avvenuto nel 2009. Lo svizzero sconfisse all’ultimo atto Robin Soderling, che aveva in precedenza eliminato un acciaccato Nadal, e riuscì così a completare il Career Grand Slam.

Nelle tre precedenti finali parigine, tutte giocate al cospetto del maiorchino, Federer era sempre uscito sconfitto. “Tutti sanno, specialmente in Francia, quanto avessi cercato di vincere il French Open” ha raccontato il 20 volte campione Slam.

“E finalmente ci riuscii. Avrei potuto chiudere la mia carriera lì. È innegabile che abbia provato del sollievo, ma più di ogni altra cosa c’erano felicità e soddisfazione”. Federer ha anche parlato dei suoi primi passi nel mondo del tennis professionistico, concentrandosi in particolare sul suo esordio all’Open di Rotterdam, avvenuto nel 1999 all’età di 17 anni.

“Penso di aver usufruito di una wild card, non ricordo se mi servisse davvero alla fine, ma era garantita dal torneo e fu grandioso” ha ricordato l’elvetico, che si sarebbe poi spinto fino ai quarti di finale.

“Fu incredibile per me raggiungere i quarti di finale, compiere un simile salto e guadagnare tanti punti. Fu uno dei momenti di svolta del 1999”. Quest’anno, Federer tornerà a giocare sulla terra battuta a tre anni dall’ultima volta: il campione svizzero ha confermato la sua presenza a Madrid e al Roland Garros.