Roger Federer spegne gli entusiasmi: "In Sudamerica solo per esibizioni"


by   |  LETTURE 2376
Roger Federer spegne gli entusiasmi: "In Sudamerica solo per esibizioni"

In Sudamerica l'entusiasmo della gente e la pressione dei media è tanta, soprattutto nello sport. Non hanno fatto eccezione le parole di Roger Federer. Qualche settimana fa a Indian Wells lo svizzero aveva confessato che, in un mondo ideale, sarebbe bello visitare posti nuovi del Sudamerica, Asia o Africa e giocare lì delle partite.

Aveva però precisato di non poterlo fare a causa della sua programmazione ridotta. Dichiarazioni che sono state in qualche modo fraintese da alcuni giornalisti, che hanno ipotizzato un ritorno di Federer in Brasile o Argentina dove ha giocato nel dicembre 2012 una serie di esibizioni.

È stato lo stesso 37enne elvetico a voler chiarire tutto in una nuova intervista a Globo Esporte a Miami. "È difficile - ha ammesso Federer -. Se vado lì, è per giocare su terra. In Sudamerica c'è solo un torneo sul cemento, Acapulco, dove per me è impossibile giocare vista la concomitanza con Dubai.

Quindi in Sudamerica solo partite fi esibizione. Non posso fare altro altro perché non gioco più tanto... Quindi è difficile essere ovunque nello stesso momento" Qualche giorno fa in un divertente video Gustavo Kuerten si era detto pronto a giocare in doppio con Federer.

"Guga è un buon amico, e una grande persona. Sono stato fortunato a giocarci contro, ma... la risposta è sempre la stessa. Non è possibile per me gareggiare lì. Magari se c'è un cambiamento da parte dell'ATP...

Ma potrei fare qualche esibizione in posti bellissimi. Giocare in doppio con Guga? Spero sia in forma (ride ndr). Grazie Guga! È stato bello. Ma sono troppo vecchio per fare promesse..."