Franulovic: "Spero Federer torni a Monte Carlo nel 2020". E su Nadal...


by   |  LETTURE 2427
Franulovic: "Spero Federer torni a Monte Carlo nel 2020". E su Nadal...

Presentata l'edizione 2019 del Rolex Monte Carlo Master in programma dal 13 al 21 aprile. In un'intervista a We Love Tennis Francia, Franulovic ha parlato del torneo che ci aspetterà. "Nadal, Djokovic, Zverev, Thiem, Nishikori, Anderson, sono presenti quasi tutti i Top 10.

Del Potro è infortunato, non gioca da molto tempo e temo che debba essere operato. Per Federer, i suoi dubbi se giocare o meno sulla terra rossa erano noti da tempo. Siamo stati in contatto più volte, soprattutto dopo gli US Open dello scorso anno.

Ha preso la decisione di giocare al Roland-Garros e non ha bisogno di disputare otto tornei prima per prendere il ritmo. Ha scelto Madrid perché la data lo soddisfa meglio prima di Roland-Garros. Abbiamo buoni rapporti con Roger, quindi speriamo di averlo il prossimo anno."

A chi andranno le wild card? "Abbiamo un sacco di richieste (ride)! Decideremo all'ultimo momento, ci sono ottimi giocatori francesi e internazionali senza dimenticare molti italiani. Si può optare per un giovane giocatore o un veterano che è stato ferito e che ha bisogno di una wild-card per entrare nel tabellone"

Se non è infortunato, Nadal può essere battuto? "Tutti possono essere battuti, anche Rafael Nadal con le sue 11 vittorie. La nuova generazione cresce e mostra gli artigli. Rafa ha vinto 11 volte, ma questo non significa che sarà la stessa storia quest'anno.

Devi avere fiducia sui giovani. Sono categorico, un giovane giocatore può vincere un torneo come Monte Carlo. Nadal lo ha fatto nel 2005. È l'inizio della stagione, non tutti sono al 100% o pronti" Quali sono i giovani giocatori a cui pensa? "Zverev e Thiem non sono più considerati giovani giocatori, sono già esperti (sorride) avendo vinto i tornei più importanti.

Penso soprattutto a Khachanov e Tsitsipas. C'è anche Felix Auger-Aliassime che ha solo 18 anni. Era ancora alle elementari l'anno scorso (ride). Quest'anno è andato vicino a vincere un ATP 500 a Rio. un gioco completo e ha le capacità per vincere un 1000 Masters"

Può esserci un erede di Rafael Nadal? "Non ci sarà mai un erede di Nadal come giocatore o personaggio. È anche impossibile trovare un successore di Nadal sul rosso. La terra è diventata una superficie come le altre e ci sono sempre meno specialisti di questa superficie, al contrario di quanto si vedeva in passato con gli spagnoli o gli italiani.

Il circuito attuale ti rende flessibile. Djokovic gioca bene sulla terra come sul cemento o su erba, così come Zverev e anche Thiem che ha appena vinto a Indian Wells" 19 vincitori nei primi 19 tornei dell'anno.

È un periodo di transizione? "È assolutamente incredibile, probabilmente è un'eccezione. Non è normale, nei periodi migliori dei Fab Four, era impossibile. Questo è un segno di cambiamento nel tennis. Ma doveva succedere Federer ha 37 anni, Nadal e Djokovic hanno 32 e 31 anni"