Rover Federer:"Nadal è venuto a casa mia per parlare del futuro del tennis"


by   |  LETTURE 17049
Rover Federer:"Nadal è venuto a casa mia per parlare del futuro del tennis"

Roger Federer ha parlato per la prima volta da quando è stato ufficializzato che a fine anno il presidente dell'ATP Chris Kermode verrà sollevato dal suo incarico. Troppi i malumori dei giocatori, soprattutto quelli di seconda fascia, che accusano tra le tante cose Kermode di non avere aumentato a dovere il montepremi nei tornei come aveva promesso.

Parlando a Tennis Channel e a Tages Anzeiger dopo la vittoria su Peter Goyowczyk, Federer ha detto qualcosa di interessante. "È difficile per me dare un'opinione perché non sono più attivo a livello politico.

Voglio che siano le persone coinvolte a farlo. Per me è importante sapere perché è successo e cosa dovrebbe succedere ora. Voglio sapere il motivo per cui Kermode non abbia fatto un buon lavoro. Di solito in passato c'erano contrasti tra due persone, quindi uno di loro doveva andare via ma in questo caso no.

Tutto sembra andare alla grande, l'ATP avrà la propria Coppa, la Coppa Davis sta cambiando format e vedremo come sarà, la Laver Cup sta facendo bene. Bisognerà decidere chi sarà il nuovo CEO, e vorrei entrare un po' nella questione sempre che la cosa non mi occupi troppo tempo.

Ma mi interessa e se mi interessa dovrei metterci impegno. L'altro giorno è venuto Rafa (Nadal) a casa mia per un caffè e abbiamo parlato a lungo di cosa sta succedendo e la cosa positiva è che la pensiamo allo stesso modo e concordiamo sul fatto che dovremmo parlare e ideare un piano.

Vorrei sapere cosa ne pensa il consiglio per avere un'idea migliore" Federer e Nadal si sono incontrati settimana scorsa nella villa che solitamente il 37enne di Basilea affitta a Indian Wells con la propria famiglia.

Entrambi hanno fatto parte del consiglio giocatori fino a qualche anno fa. Dal 2016, almeno fino al 2020, il consiglio è diretto da Novak Djokovic, a cui lo svizzero avrebbe voluto parlare: "Ho cercato di incontrarlo prima della riunione decisiva a Indian Wells - ha detto Federer -.

Purtroppo non ha avuto tempo e per me è difficile da capire. Ma va bene, ha speso tanto tempo con queste faccende. Gli ho chiesto se aveva tempo per incontrarmi ed era super impegnato. Mi ha suggerito di vederci il giorno dopo, ma tutto era ormai già deciso"