Volandri: "Federer mi ha messo troppo a mio agio prima del match a Roma"


by   |  LETTURE 6411
Volandri: "Federer mi ha messo troppo a mio agio prima del match a Roma"

In un'intervista a Sky Sport l'ex numero 25 del mondo Filippo Volandri ha ripercorso la magica vittoria ottenuta ai danni di Roger Federer a Roma 2007 per 6-2 6-4. Un giorno memorabile che il livornese ricorda ancora alla perfezione: "È stata una partita meravigliosa, sicuramente la più grande emozione della mia carriera - ha detto Volandri -.

Lui era numero uno del mondo. Ho giocato quel match forse 3-4 volte perché in partite di questo tipo la sera prima fai fatica ad addormentarti, ci pensi, cerchi di trovare la concentrazione migliori per affrontare quello che poi è stato l'idolo di tutti.

Il fatto di aver giocato sul Centrale del Foro è stata un'impresa epica. Ho sentito molto l'effetto della gente, il calore, il sudore che scendeva dalla mia fronte hanno reso tutto una partita realmente perfetta.

Ho giocato questa partita in una bolla di sapone sicuramente fino al 6-2 5-4 0-15 dove forse ho tremato un po' e ho realizzato che potevo veramente fare l'impresa. Lì ho dovuto guardarmi dentro, cercare la concentrazione e non farmi distrarre dal pubblico che era realmente rumoroso e che è stato l'uomo in più.

Lì ho capito di avere la base per poter fare qualcosa di grande, e qualcosa di grande poi è arrivato" Volandri ha poi parlato dell'approccio alle partite con queste leggende: "Ogni giocatore quando scende in campo contro un giocatore come Federer ovviamente vuole vincere la partita ma sa che non deve fare brutta figura.

Prima di entrare in campo abbiamo parlato molto, io e Roger siamo cresciuti insieme, abbiamo la stessa età, abbiamo attraversato tanti periodi della nostra carriera insieme e questo tuo metterti a proprio agio credo che un pochino lo abbia fregato perché senti la sudditanza di un giocatore come Federer.

Sono entrato in campo molto tranquillo, concentrato, ero reduce da due buone partite, avevo vinto con Gabashvili al primo turno, Gasquet proprio il giorno prima di affrontare Federer"