Roger Federer: "Il tennis è diventato più fisico, difficile giocare bene"


by   |  LETTURE 6588
Roger Federer: "Il tennis è diventato più fisico, difficile giocare bene"

Quando Roger Federer iniziò la sua carriera da professionista nel lontano 1998, leggende come Andre Agassi e Pete Sampras erano ancora in attività. Come è cambiato il giocato durante gli ultimi 20 anni? In un’intervista concessa a NRC, il 37enne svizzero ha risposto a questa domanda.

“È diventato più fisico. Il ritmo ora sembra più alto rispetto al passato”, ha spiegato Federer. “Ecco perché non è facile giocare bene. Perché se l’avversario colpisce forte, devi essere aggressivo. Prima c’era un maggior utilizzo del serve and volley, al tempo di Henman, Sampras, Krajicek. Quindi dovevi andare di più a rete.

Ora nessuno fa più serve and volley, sono tutti a loro agio sulla linea di fondo. È tipo di gioco diverso.” Il venti volte campione Slam ha adottato una programmazione ridotta nelle ultime due stagioni, avendo intenzione di fare lo stesso fino al termine della sua carriera.

“Spero che i giocatori non pensino che si debba fare così solo a 36 anni. Possono iniziare già a 25. La mia filosofia è: gioco quando sono pronto. Non giocherò i tornei soltanto per testare la mia condizione e basta.

Oggi ho parlato con un giocatore, mi ha detto che è meglio disputare un torneo che allenarsi a casa. Non lo farò mai. Mi preparerò a casa, e poi giocherò quando sono pronto. Se mi presento, vuol dire che sono al 100%” – ha infine concluso Roger.